The Craftsman – L’artigiano del dettaglio a Reggio Emilia

#Food & #Wine a #ReggioEmilia – Immersione nella Londra della Bella Epoque tra Eleganza, Stile e Qualità armoniosa…

da L’Equilibrista

Il passo è leggero e attraversa i vicoli con decisa abitudine rallentando solo per sfuggire alla penombra e quella scura nottata londinese che sovrasta l’umida nebbia ostacolando il lampionaio che anche stasera sta cercando di limitare le luci in piedi sulla sua scala di legno.

Un rapido sguardo alla sala e la mano slaccia la fine giacca scoprendo un doppio petto sartoriale grigio fumo che libero dal pesante soprabito concesso nelle mani del Concierge, permette un delicato cenno al Barman che sta già preparando il calice per l’ospite atteso, dando il via alla serata confondendosi fra eleganze, musica dal vivo mai sopra le righe.

Credo sia questo che mi abbia trasmesso  la chiacchierata concessami da Riccardo Soncini che con grande umiltà ed innovazione ha riportato i fasti degli anni 30 della Londra di inizi 900, fino a Reggio Emilia, sua città natale.

Tre anni e mezzo fa, in piazza Fontanesi, tutto ha avuto inizio creando dal niente il TC, The Craftsman, ovvero L’Artigiano, colui che dalle materie prime migliori riesce a creare un manufatto ed è stato così anche all’interno del locale mi racconta Riccardo. L’intera struttura è stata infatti costruita a quattro mani grazie all’aiuto dell’architetto Alessandro Cupello e quindi anche i drinks ideati dai ragazzi del TC non potevano che essere artigianali e personali.

Proprio come se un artigiano ricevuta la commessa iniziasse a tradurre un desiderio in puro gusto.

Progetto improntato sulla selezione del prodotto quindi, la sua qualità , il servizio puntuale nei confronti del cliente, dove l’esperienza e la cura nei minimi dettagli sono la giusta presentazione per la miglior esperienza possibile.

Ad oggi il locale ospita più di mille tipologie diverse fra distillati, liquori e vini di altissima qualità, tutte selezionate dal TC, avendo quindi la certezza di una ricerca senza precedenti e di una distribuzione esclusiva perché rigorosa, tanto da meritarsi il premio come “Bar rivelazione” agli Awards d’Italia 2016.

Oggi al TC si è affiancato anche il ristorante e jazz club, nel quale la  firma di Mattia Trabetti, incontrato per caso ci tiene a sottolinearmi Riccardo, porta internazionalità in cucina, garantendo al Locale una chiara impronta nella scelta dei piatti, abbinamenti e ricercatezza.

Jazz club di ispirazione londinese appunto, che guadagna identità, spazio e dimensione nei desideri e nelle espressioni legando fantasia e libertà di espressione, ed è naturale quindi la commistione fra professionisti che traggano linfa dai tanti viaggi che ognuno ha fatto o che deve ancora fare creando cocktails sia classici che d’avanguardia, per cui le due anime, la musica ed il bere di altissima qualità, si attraggono creando una fusione.

Cucina internazionale e mondo della miscelazione non stanno a significare solo servizio elegante e uniformi per il TC, ma sottendono ricerca ed uso di ingredienti esclusivi per garantire tecnica all’interno di una sfera di invenzioni fatte di estro e sperimentazione continua, frutto della nuovo approccio fra barman e chefs.

Menù concepiti in modo illustrativo per riprendere un personaggio famoso e immedesimarsi in lui per ispirarsi nel concepimento di un cocktail è da intendersi come spirito libero, esercizio di creatività vera, ben supportati dai tre concerti a settimana con ospiti sia del territorio che internazionali, dove le persone scelte devono essere una garanzia di successo e capacità di reinventarsi continuamente.

La direzione di Riccardo Soncini ha previsto un orientamento preciso fatto di assoluto “no standing”, con sessanta persone sedute e dove chi ha il tavolo può rimanere fino a fine spettacolo, questo perché deve regnare l’eleganza ed il rispetto dell’ospite, approccio ormai raro negli anni del progresso economico ma in linea perfetta con chi ha deciso di rischiare e di fare il precursore a Reggio Emilia, per una volta davanti e non li a guardare, ma a dominare la scena.

 

 

(#Food & #Wine #ReggioEmilia – Immersione nella Londra della Bella Epoque. Eleganza, stile e qualità armoniosa…)

Torna su