Parmigiano, Lambrusco , Pera e industria hanno bisogno della bretella

La bretella Campogalliano – Sassuolo, una infrastruttura indispensabile per l’agroindustria emiliano romagnola. Parmigiano, Lambrusco , Pera e industria hanno bisogno della bretella.

Piccinini (Confcooperative Modena): «Parmigiano, Lambrusco e pera hanno bisogno della bretella Campogalliano-Sassuolo»

«Come la Cispadana, la bretella Campogalliano-Sassuolo è un’arteria di cui il nostro territorio ha bisogno per restare competitivo sui mercati internazionali». 

Lo dichiara il presidente di Confcooperative Modena Carlo Piccinini commentando l’analisi costi-benefici che il governo sta conducendo sul collegamento autostradale tra l’A22 e il distretto ceramico. «Anche la cooperazione trarrebbe vantaggi dal prolungamento dell’Autobrennero. Basti pensare – spiega Piccinini – a tre eccellenze agroalimentari cooperative come il Parmigiano Reggiano, il Lambrusco e la pera, che dipendono sempre più dall’export. Per non parlare delle ricadute sull’intera economia non solo locale di un’opera che prevede investimenti per 500 milioni di euro e centinaia di posti di lavoro. 

Non possiamo guardare all’Europa – conclude il presidente di Confcooperative Modena – e avere ancora strade che risalgono ai tempi dei duchi estensi».

Carlo Piccinini

Al coro dei preoccupati si unisce anche la deputata emiliana Benedetta Fiorini vicecommissario di Forza Italia in Emilia Romagna. “Lo stop alla ‘Bretella’ Campogalliano-Sassuolo, deciso dal Governo per impulso del M5S, sarebbe una sciagura per i distretti industriali dell’Emilia. Purtroppo il M5S è totalmente disinteressato all’Emilia e dimostra di non conoscere assolutamente il tessuto produttivo del nostro territorio. E ciò è assurdo perché il sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e ai Trasporti, il grillino Michele Dell’Orco, che ha perso nel collegio uninominale di Sassuolo alle elezioni del 4 marzo, è proprio del modenese. Sembra davvero che l’obiettivo dei grillini sia di far fallire le imprese, far perdere posti di lavoro in modo da assicurarsi il voto di questi sfortunati disoccupati con la promessa del reddito di cittadinanza”.

“I nostri distretti industriali – continua Fiorini – e specialmente quei settori di eccellenza come l’industria ceramica, e non solo, che esportano il Made in Italy in tutto il mondo, avrebbero bisogno di infrastrutture, invece il M5S le blocca. La Commissione Ue ha previsto che l’Italia crescerà di un misero 0,2 per cento quest’anno, ovvero siamo l’economia più debole di tutta l’Europa, avremmo quindi bisogno di aiutare le nostre imprese a poter competere ad armi pari con quelle degli altri Paesi, invece il Governo tenta di affossarle con la tassazione, la burocrazia e adesso anche fermando opere necessarie come la ‘Bretella’ Campogalliano-Sassuolo”.

Torna su