L’impatto del nuovo codice della crisi nel rapporto Banca / Impresa

di Mario Vacca Parma 8 marzo 2019 – Il nuovo codice sulla crisi d’impresa non solo “mette le mani nel codice civile” allorquando impone una certa condotta dell’imprenditore ma cambia anche il rapporto banca/impresa.

Gli istituti di credito dovranno, in sede d’istruttoria e monitoraggio del merito creditizio, valutare preventivamente “gli idonei assetti organizzativi, amministrativi e contabili”, per non incorrere in possibili responsabilità patrimoniali – per incauto affidamento o abusiva concessione del credito – in caso di dissesto della società affidata.

La questione comporta significative ricadute operative anche per il possibile ruolo che potrebbero svolgere i professionisti chiamati a rilasciare compliance sull’informativa finanziaria storica, corrente e prospettica e su cui deve basarsi una corretta valutazione del rischio d’insolvenza.

Ai sensi di questa norma, “l’imprenditore collettivo deve adottare un assetto organizzativo adeguato ai sensi dell’art. 2086 del codice civile ai fini della tempestiva rilevazione dello stato di crisi e dell’assunzione di idonee iniziative”. Viene introdotto un preciso dovere di risk governance (adeguati modelli di corporate governance, procedure di controllo interno e sistemi di gestione integrata dei rischi) per l’imprenditore che opera in forma societaria e collettiva. Egli “ha il dovere di istituire un assetto organizzativo, amministrativo e contabile adeguato alla natura e alla dimensione dell’impresa, sopratutto in funzione della rilevazione tempestiva della crisi d’impresa e della perdita di continuità”

Non di poco conto anche le conseguenze e ricadute operative in tema di responsabilità degli amministratori prodotte dall’art. 378. Ai sensi di questo articolo, “Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l’inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell’integrità del patrimonio sociale”. Ed inoltre, con conseguenze notevoli soprattutto per le SRL, “l’azione può essere proposta dai creditori quando il patrimonio sociale risulta insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti”.

Questo significa che anche le banche, in presenza di un significativo deterioramento del credito, quando accertano che il capitale di rischio effettivo potranno agire a tutela delle loro pretese avviando azione di responsabilità verso gli amministratori con istanza all’autorità giudiziaria.

Non dimentichiamo che alle banche viene imposto un preciso e vincolante obbligo di segnalazione che potrebbe comportare significative conseguenze se non correttamente interpretato dagli organi di controllo societario. Ai sensi infatti del 4° comma dell’art. 14, “Le banche e gli altri intermediari finanziari di cui all’art. 106 del testo unico bancario, nel momento in cui comunicano al cliente variazioni o revoche degli affidamenti ne danno notizia anche agli organi di controllo societari se esistenti.

La questione di fondo è quindi stabilire se, dovendo le società adottare idonei assetti organizzativi (modelli di corporate governance e piani aziendali), amministrativi (sistemi di pianificazione e controllo) e contabili (reportistica periodica anche forward-looking), le banche, in sede di istruttoria di affidamento e prima della concessione creditizia, nel valutare il merito creditizio non debbano anche valutare preventivamente proprio gli “adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili”, pena la possibile corresponsabilità patrimoniale in caso di dissesto della società affidata.

A questo punto, la banca, quale operatore professionale del credito potrebbe essere chiamata a rispondere della mancata preventiva valutazione ad esempio, di un adeguato modello di corporate governance rispetto alla natura e dimensione della società oppure della preventiva valutazione delle procedure interne di pianificazione e controllo. Potrebbe quindi essere esimente per le banche “integrare” le procedure d’istruttoria (sia in sede di affidamento che di monitoraggio) con valutazioni “mirate” sugli assetti organizzativi, amministrativi e contabili.

A questo punto è necessario chiedersi se non sia il caso, come già successo per altre attività collaterali del processo creditizio di “esternalizzare” questa fondamentale attività di analisi e valutazione.

Torna su