Lo sguardo del Fisco nei conti correnti e onere della prova – Parte due

di Mario Vacca Parma 17 marzo 2019 – Con ordinanza n. 31117 del 03 dicembre 2018 la Corte di Cassazione ribadisce il concetto di inversione dell’onere della prova in caso di accertamenti fondati sui conti correnti bancari.

Per quanto concerne quindi l’accertamento delle imposte sui redditi basato sulle verifiche di conti correnti bancari l’amministrazione può ben fondare il proprio onere probatorio sui dati e sugli elementi riscontrati da tali conti, in ottemperanza all’articolo 32 D.P.R. 600/1973.

Si rammenta che l’articolo 2697 c.c. prevede che “chi vuol far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento mentre chi ne eccepisce l’inefficacia deve provare i fatti su cui l’eccezione si fonda”.

Per analogia la norma si applica anche al diritto tributario pertanto l’amministrazione finanziaria è tenuta a procurare la prova dei fatti costituenti l’eventuale reato.

Con riferimento all’ordinanza poc’anzi richiamata qualora l’accertamento da parte dell’Agenzia si fondi su verifiche di conti correnti bancari, si dà luogo ad un’efficacia dell’onere probatorio dell’Amministrazione e pertanto si genera un’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente; quest’ultimo dovrà dimostrare che gli elementi desumibili dalle movimentazioni bancarie non siano riferiti ad operazioni imponibili, e dovrà fornire prove circostanziate riguardo ogni movimentazione.

 

Torna su