Distretto del Pomodoro del Nord, tappa importante verso l’OI interregionale

(ufficio stampa provincia di parma)

 

In piazza della Pace la ratifica dello statuto. Ferrari: “Un primo passo importante, ma c’è ancora tanta strada da fare”

Parma, 3 maggio 2011 – “È un primo passo importante che ci dà soddisfazione.Ma c’è ancora tanta strada da fare”. Queste le parole del vice presidente della Provincia Pier Luigi Ferrari, presidente dell’Associazione Distretto del Pomodoro da Industria del Nord Italia, alla ratifica dello statuto dell’associazione stessa, avvenuta oggi nella sede della Provincia, di fronte al notaio Bernardo Borri, nel corso dell’assemblea dei soci. Una tappa di rilievo, quella di oggi, verso il riconoscimento dell’associazione in organismo interprofessionale: questo è infatti il prossimo obiettivo.

“Si conclude una parte del percorso ma se ne inizia un’altra – ha detto Pier Luigi Ferrari – nella consapevolezza che lo strumento approvato risponda alle esigenze e alle ragioni che hanno fatto sì che questo percorso potesse trovare qui una prima tappa: una tappa che certo dà soddisfazione ma che non costituisce sicuramente un punto d’arrivo. C’è bisogno di ulteriore cammino. E proprio questo cammino dovrà essere compiuto nel segno della distintività e della competitività del prodotto del Nord Italia, ma restando comunque aperti e disponibili a collaborazioni con le realtà nazionali”.

L’Associazione Distretto del pomodoro da industria del Nord Italia comprende i soggetti economici sia della parte agricola (organizzazioni dei produttori e professionali agricole) sia della parte di trasformazione (privata e cooperativa), soggetti che in questo processo sono accompagnati dalle Province di Parma, Piacenza, Cremona, Mantova e Lodi (in qualità di soci consultivi).

Nel corso dell’assemblea di oggi sono state assegnate le cariche sociali. Presidente è stato confermato Pier Luigi Ferrari, vicepresidenti sono stati nominati Filippo Pozzi (assessore all’Agricoltura della Provincia di Piacenza) e Gianluca Pinotti (assessore all’Agricoltura della Provincia di Cremona). Del cda fanno parte per le organizzazioni dei produttori Paolo Gazza, Rossella Martelli, Luca Artioli, Alberto Sarzi, per le professionali agricole Eugenio Zedda, Guido Baratta, per le organizzazioni dei produttori di auto trasformazione Stefano Spelta, Lodovico Bertoli, per le imprese di trasformazione cooperativa Sergio Tondini, Paolo Voltini, per la trasformazione privata Giuseppe Rodolfi, Marcello Mutti, Antonio Casana, Francesco Maini, e per Aiipa Lorenzo Cempini.

Torna su