Elogio del burro

CENNI STORICI SUL BURRO

Il rapporto che l’uomo ha con gli alimenti non è mai stato unicamente ed esclusivamente di tipo nutrizionale o, come oggi si dice, fisiologico, e neppure di tipo soltanto economico.La scelta degli alimenti e di conseguenza anche il loro valore è dipeso e continua a dipendere anche dal sod¬disfacimento d’altre esigenze, di tipo psicologico interno spesso inconscio, ma anche di riferimento e legittimazione di valori e significati culturali. Questi potevano anche essere il frutto di condizio¬namenti spirituali e religiosi, poi tradotti in regole di vita od in rituali, quando non erano la fonte di pregiudizi culturali, che spesso vediamo ancora persistere od assumere nuove forme nelle attuali “religioni laiche”. In quest’ambito, soprattutto per lo storico dell’alimentazione e del costume, ma anche dell’economia e della salute, una particolare importanza assumono i condimenti sia come fondi di cottura, sale ed aceto, spezie, ma soprattutto le sostanze grasse, che sono una componente irrinunciabile ad ogni sistema alimentare, definendone caratteri, specificità ed identità, tanto da po¬ter essere inquadrati tra i marcatori culinari. In quest’ultimo ambito il burro non può essere consi¬derato da solo, ma in rapporto anche ad altri grassi.
Lunga è la storia del burro, anzi la sua preistoria, in quanto si fa risalire all’inizio della do¬mesticazione degli animali da latte, anche se con una contrapposizione ai latti fermentati. In modo molto schematico si ritiene che la vasta area della domesticazione degli animali produttori di latte, fin dai primordi sia stata inizialmente divisa in due sottoaree: a meridione ed in ambito della fertile mezzaluna

la temperatura elevata ha favorito lo sviluppo dei latti acidi; a settentrione il clima freddo ha favorito la produzione e l’utilizzo dei burro.
Nella Naturalis Historia (libro XXVIII) Plinio il Vecchio scrive che dal latte si ricava il bur¬ro e che questo è l’alimento più raffinato, e non soltanto un condimento, dei popoli barbari: un pro¬dotto alimentare il cui consumo distingue i ricchi dai poveri (E lacte fit et butyrum, barbararum gentium lautissimus cibus et qui divites a plebe discernat). Il burro, condimento di lusso e grasso di élite dei popoli settentrionali, definiti “barbari”, si contrappone all’olio d’oliva in uso presso i ro¬mani ed i greci, popoli “civili”.
Oltre questa contrapposizione tra barbari e civili s’inseriscono già gli usi non nutrizionali del burro. Sempre Plinio ricorda che il burro ha attività protettive dai raggi solari e dall’umidità, per molti versi peraltro simili a quelle dell’olio. Se i barbari hanno l’abitudine di spalmarlo sulla pelle, Plinio ricorda che “anche noi lo facciamo con i nostri bambini”. A Roma, infatti, il burro era reperi-bile, ma per usi diversi da quelli alimentari. Per questo Caio Giulio Cesare si stupisce quando, nella Gallia Cisalpina, gli sono offerti asparagi cotti nel burro. In tempi precedenti, in Grecia Ippocrate ri¬cordava che il burro era importato dall’Asia per essere usato come unguento.
Nell’antichità la contrapposizione olio/burro era costantemente rappresentativa di un contra¬sto tra civiltà e barbarie. Riferendosi ai montanari dei Pirenei, Strabone con disprezzo afferma che “il burro serve loro da olio”.

Passando al Medioevo Jean Louis Flandrin individua il burro come alimento popolare e pro¬vinciale, in contrapposizione anche all’olio. E’ soprattutto nel medioevo che però si stabilizza la gran divisione dell’Europa in due parti. Nell’area
mediterranea domina incontrastato l’olio d’oliva e successivamente d’altri vegetali, mentre nell’area continentale dominano i grassi animali, da quello di maiale (lardo e strutto od oleum lardinum) al più prezioso e raffinato burro. Una bipartizione tra grassi vegetali ed animali che comporta anche pregiudizi: se il burro nei paesi nordici era ritenuto ricco di virtù terapeutiche, e capace di alleviare la fame e la sete, oltre che imprimere energia, nell’Italia meridionale era considerato pericoloso, e causa di terribili malattie, quali la lebbra. Una concezione razzista quest’ultima che vediamo ripetersi per ogni alimento esotico: tipica è l’accusa, ancora nel settecento, alla patata di causare la lebbra.
Nell’ora accennata bipartizione s’inserirono anche valutazioni d’ordine religioso e soprat¬tutto quelle relative ai concetti di “magro” e “grasso” e dell’astinenza dalle “carni”. Termini questi che devono essere virgolettati in quanto di valore religioso che non coincide con quello odierno di tipo “botanico” o “zoologico”. Infatti, già durante il Medioevo, il burro fu ammesso come alternati¬va all’olio per i giorni di magro, dapprima sporadicamente e, poi, in maniera sempre più generale. Negli ultimi secoli del Medioevo le autorità ecclesiastiche di diverse comunità dell’Europa setten¬trionale concessero il burro come condimento “magro” e nel capitolare de villis di Carlo Magno il butirum è elencato fra i prodotti

quaresimali. In questo modo il burro viene a collocarsi vicino all’olio nella cucina “magra”, mentre il lardo rimane sempre nella cucina “grassa”.
Anche se non strettamente necessario, è utile accennare a quello che sembra sia stato il criterio religioso per discriminare tra “magro” e “grasso”, qui di nuovo virgolettati. Con riferimento prima alla quaresima, poi per estensione alle vigilie ed a tutte le altre occasioni d’astinenza, sembra sia il criterio preso come riferimento sia
stata l’arca di Noè che durante quaranta giorni (la stessa du¬rata della quaresima) portò in salvo anche gli animali che, ovviamente non furono mangiati. Ciò che era fuori dell’arca poteva essere mangiato da Noè e dalla sua famiglia: dal pesce alle rane fino ad al¬cuni uccelli acquatici come le folaghe. Quest’ultima, almeno, era, infatti, l’interpretazione data dai monaci dell’abbazia di Pomposa. Inoltre tutto quello che era dentro all’arca era definito come “grasso” e quello che era fuori, invece, era giudicato “magro”. La regola poteva tuttavia essere in-terpretata ed è ovvio che se sull’arca vi era una mucca, Noè e la sua famiglia si sarà cibato del latte e dei suoi derivati, ad iniziare dal burro. Per questo il burro poteva essere definito “magro”,
Con il procedere dei tempi e soprattutto con il diminuire della forza delle concezioni religio¬se, pur interpretate come facevano i monaci dell’abbazia di Pomposa… assumono maggiore im¬portanza le componenti economiche e da non trascurare quelle gastronomiche. Infatti, i caratteristici punti di fusione dei diversi grassi li indirizza ad usi specifici: gli oli per condire, i grassi per cucina¬re, ecc. In questa situazione il burro non ha un posto di rilevo. Da una parte è confinato tra gli

Alimenti “magri” e dall’altro è ritenuto un alimento per poveri, come sopra già indicato. Nel XV se¬colo in Italia vi è ancora una certa ambivalenza di significazioni.
Il Platina nel suo famoso trattato De honesta voluptate et valetudine composto a circa la metà del XV secolo afferma che il burro si può usare “in luogo del grasso e dell’olio per cucinare qualsia¬si vivanda”, ma nello stesso periodo il padovano Michele Savonarola sostiene che “molti (il burro) l’usano in loco de olio ( … ) ma el
buthiero nuoce allo stomaco e ai soi villi, quelli relaxendo, e a chi non l’ha usato, ge turba el stomaco”,
Nell’etá moderna il burro assume un ruolo di èlite. Già a metà del secolo XVII Vincenzo Tanara nella sua opera L’economia del cittadino in villa non solo riconosce la particolare vocazione nei paesi settentrionali di quest’alimento, ma anche il suo utilizzo da parte dei ceti abbienti. Presso gli antichi, riferisce Tanara, il burro era la separazione della nobiltà dalla plebe, del ricco dal pove¬ro, perché il plebeo povero non poteva usare il burro per il suo prezzo elevato. Oltre alla possibilità di usare il burro al posto dell’olio e d’altri grassi, molte proprietà medicinali gli sono ascritte: dalle malattie respiratorie da raffreddamento al catarro ed alla tosse; dalle scottature alla cura dei forun¬coli; dall’azione benefica sulle gengive e di rendere più fermi i denti alle screpolature delle labbra ed infiammazioni della bocca; dalla capacità di far sputare, fino all’attività contro il veleno di vipere ed aspidi, senza dimenticare le benefiche attività quando è spalmato sul corpo. Nell’alimentazione è sottolineata la sua capacità di sostituirsi all’olio, ma anche di essere utilizzato nelle decorazioni dei piatti e come medicamento.

Poco tempo dopo, il cardinale Alberoni, proponendo al re di Spagna, per le seconde nozze avvenute nel 1714, Elisabetta Farnese la descriveva “impastata di butirro e di formaggio piacentino” e cioè nutrita con quanto di meglio vi era, il che doveva far immaginare una pelle liscia e vellutata. Un rapporto tra burro e pelle d’altronde ben radicato anche negli allevatori che dalla sottigliezza ed
untuosità della pelle dicevano di poter individuare la vitella o la vacca che avrebbe dato un latte ric¬co di grasso.
Come si vede il burro ha sempre avuto ma duplice valutazione: positiva e negativa, ma sempre per motivi estranei alla sua composizione. Una lunghissima preistoria ed un’ampia e diversi¬ficata storia ha comunque spesso celebrato gli aspetti positivi del burro, nelle sue molteplici appli¬cazioni, ma soprattutto in quelle alimentari, sia nutrizionali sia gastronomiche, senza dimenticare le applicazioni cosmetiche e le utilizzazioni medicinali. Aspetti positivi che sono ampiamente docu¬mentati dalla tradizione, ma anche dal suo valore simbolico e, non da ultimo, anche dal suo valore commerciale, quando ad esempio in pianura padana il burro aveva un prezzo almeno pari a quello del formaggio grana.
Negli ultimi anni e per una non sempre limpida serie di motivi vi è stata un’inversione di valutazione e dall’amore sembra che si sia passati ad un odio, fino ad un’ingiusta criminalizzazione del burro che, nel quadro di una religione salutistica “laica”, non è molto diversa dalla concezione che derivava da una religione “fideista” che lo inseriva tra i cibi “magri”, in quanto prodotto da un animale portato da Noè sull’arca.

Il recente sviluppo della ricerca sulle attività non soltanto nutrizionali, ma anche sulle atti¬vità extranutrizionali e sulle caratteristiche salutistiche degli alimenti, non solo sta dimostrando che la tradizione aveva ragione, ma che il burro è dotato di particolari attività salutari, forse più d’altri alimenti oggi di moda

“Recenti indagini indicano come i grassi del burro hanno rilevanti attività salutistiche, in particolare di tipo extranutrizionale: attività immunostimolanti ed antinfettive, ormonali, psicodietetiche, anticancerogene, protettive cardiovascolari, antiartritica ed antiosteoporotica che rivalutano un alimento ingiustamente criminalizzato.
Inoltre il burro ha inimitabili doti che lo rendono insostituibile in cucina.”

Summary intervento prof. Giovanni Ballarini – Università di Parma – 2/10/2003

Indubbiamente oggi si inizia a rivalutare il burro. Sono infatti stati pubblicati una serie di articoli, che illuminano circa una serie di attività positive del burro:
“Butter is better” e sulla “originalità” del burro.
“Sembrerà strano – afferma Ballarini – ma vi è un movimento culturale che a partire dalla O.M.S (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dalla Unione Europea rivaluta il burro; mentre una volta si parlava male dei grassi, oggi ci si è accorti che il

problema non è la quantità di grasso che fa male, ma lo stile di vita e soprattutto le porzioni.”
Attività nutrizionali
Questa rivoluzione è dovuta essenzialmente al nuovo posizionamento che i grassi hanno assunto nel fabbisogno giornaliero procapite:
il 30% delle calorie deve necessariamente derivare dai grassi.
In una normale dieta si dovrebbe consumare una quantità di grassi pari a 60-90 grammi al giorno: se si compie una discreta attività fisica o se si è in fase di accrescimento la quantità di grassi giornaliera dovrebbe arrivare a 100 grammi o più.
Ai grassi oggi sono collegate una serie di attività cosiddette extranutrizionali: i grassi sono importanti non solo quali apportatori di energia ma quanto apportatori di altri elementi che sono necessari per una vita sana e per un buon livello di salute.
Parlare di burro significa evocare il fantasma di un’altra parola ben più temuta: colesterolo.
Oggi le nuove conoscenze hanno stabilito che non è tanto importante la quantità: ma il rapporto tra colesterolo e lecitina.
Se infatti al colesterolo viene affiancata una discreta quantità di lecitina esso si trasforma in “colesterolo buono”.
Nel burro ci sono circa 15 parti di lecitina per una sola parte di colesterolo.
Nel grasso del latte sono presenti inoltre degli acidi grassi che sviluppano un’ottima azione anti-tumorale, le vitamine A ed E che hanno proprietà antiossidanti ed il selenio.

Le attività salutistiche dei grassi del latte e del burro sono molteplici: dalla protezione dalle malattie cardiovascolari, ad una attività immunostimolante e di regolazione contro le allergie, ad una attività protettiva contro l’osteoporosi.
Senza dimenticare che i grassi del latte svolgono anche un’attività, più difficilmente dimostrabile, di natura psicodietetica ovvero di controllo psichico del senso di fame.

IL BURRO IN CUCINA

Le caratteristiche gastronomiche del burro sono essenzialmente due:
la prima è quella che permette una cottura dolce legata al fatto che il burro contiene una discreta quantità d’acqua e proteine; l’altro aspetto è caratterizzato dalla presenza di lecitina che conferisce alle preparazioni gastronomiche particolare fragranza e morbidezza.
Pensare di produrre pasticceria di qualità senza l’apporto del burro è praticamente impossibile.
Vi è anche un altro aspetto importante da valutare: non esiste infatti un solo tipo di burro ma tanti tipi di burro così come esistono tanti tipi di vini e di oli di oliva.
L’originalità e la tipicità del burro dipende dal tipo di alimentazione della vacca da latte.
Un tempo la caratteristica di un burro era determinata esclusivamente dalla stagionalità. Le mucche partorivano in primavera, si cibavano di foraggio fresco, il

periodo estivo era quello della lattazione che si protraeva fino agli inizi di novembre, quindi
il risultato era un burro di colore giallo, molto fluido e spalmabile per la presenza di acidi grassi corti.
Oggi la situazione è ben diversa. Il latte viene prodotto tutto l’anno e la sua produzione, legata tendenzialmente alla creazione di formaggi di tipo industriale, punta molto sulla quantità di latte prodotto.
Nella nostra regione, precisamente nella zona di produzione del Parmigiano-Reggiano, i produttori di latte hanno voluto continuare nel solco della tradizione
alimentando le vacche da latte esclusivamente con foraggio fresco e con alimenti rigorosamente approvati dal Consorzio del Parmigiano-Reggiano.
Le panne che derivano dal latte prodotto esclusivamente per la realizzazione del Parmigiano-Reggiano sono le stesse che VALPARMA utilizza per la produzione di burro di qualità.

Conclusioni
Per concludere il burro Valparma, in forza della caratteristica dovuta alla diretta ed esclusiva provenienza dal latte utilizzato per la produzione del Formaggio Parmigiano Reggiano, può contare su questi importanti fattori:
– ORIGINALITA’
– QUALITA’ COSTANTE NEL TEMPO
– CONTROLLO QUALITA’
– TRACCIABILITA’ QUALITATIVA

Dr., Dr. H.C., Prof. Giovanni Ballarini

Università degli Studi di Parma

Torna su