Manovra, Fedagri: “Norma su quote latte insopportabile salvacondotto per i produttori inadempienti”

 

Manovra, Fedagri: “Norma su quote latte insopportabile salvacondotto per i produttori inadempienti”

“Per competere sul mercato ad armi pari,  a questo punto occorre restituire ai produttori in regola le multe pagate,  gli investimenti sostenuti per acquistare le quote oltre ai danni per mancata produzione”

Roma, 15 luglio 2011 – “L’approvazione nella manovra finanziaria dell’ennesima norma che sottrae i produttori inadempienti al pagamento delle multe per le quote latte, è uno schiaffo ai produttori che hanno rispettato le normative e una beffa ad ogni regola della concorrenza”.

È quanto dichiara Fedagri-Confcooperative a commento della norma salva-Cobas del latte confermata con il maxiemendamento alla manovra dei conti pubblici, sottolineando che è stato chiaro da sempre, che questi produttori non intendono pagare le multe per gli splafonamenti nonostante la dimostrata infondatezza delle loro argomentazioni.

“C’è da chiedersi – sottolinea Fedagri – come mai l’Antitrust non intervenga, nonostante le ripetute sollecitazioni, di fronte ad una persistente e macroscopica distorsione della concorrenza tra i produttori di latte”.

Secondo Fedagri la situazione è arrivata ad un punto di non ritorno. Adesso più che mai gli organi preposti debbono intervenire domandandosi se è legittimo che si continui a proteggere una piccolissima minoranza di produttori inadempienti per alcuni dei quali, con una recentissima sentenza, sono state confermate severe condanne in relazione ai gravi reati accertati. La Federazione chiama inoltre in causa i parlamentari affinché svolgano sull’argomento in occasione dell’imminente esame alla Camera dei Deputati, una valutazione serena ed obiettiva, dal  momento che i cittadini, chiamati con la manovra a sostenere nuovi sacrifici per tenere in regola i conti dello Stato, dovranno accollarsi anche le multe dei produttori che non vogliono rispettare le regole. La stessa UE, infine, non dovrebbe tollerare ulteriormente la situazione di disapplicazione delle sue regole.

“Se in un settore difficile come’è quello lattiero si deve competere ad armi pari – evidenzia Fedagri – allora chiediamo che ai produttori che finora e con enormi sacrifici hanno rispettato la legge vengano restituite le multe già pagate, le rate delle multe che stanno pagando in applicazione della legge 119 del 2003, gli investimenti che hanno sostenuto per comperare le quote, oltre ai danni per mancata produzione”.

“Per limitarci solo a quest’ultimo aspetto – conclude Fedagri – parlano da soli i dati ufficiali presentati nell’ottobre del 2010 dall’allora Ministro delle Politiche Agricole: dal 2003 ad oggi i produttori in regola hanno comperato, nel rispetto delle normative europee, 26 milioni di quintali di latte per un investimento di circa 1,2 miliardi di euro, quasi 2,4 miliardi delle vecchie lire, su cui lo Stato – lo stesso che continua ad umiliarli – ha incassato ben 240 milioni di euro di iva, corrispondenti a 480 miliardi delle vecchie lire”.

 Ufficio Stampa Fedagri-Confcooperative

Alina Fiordellisi

Via Torino 146

fiordellisi.a@confcooperative.it

tel. 06 46978202

+39  380 3996627

+ 39 333 1281303

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su