Parmigiano e Padano: prezzi all’origine ancora in leggero calo

 La congiuntura dei medi all’origine del Padano e del Raggiano anche in questa settimana si mostra con segno negativo. Cali, in alcuni casi anche evidenti, si sono mostrati su tutti i maggiori centri di scambio.

Sulla piazza di Mantova entrambi i grana si mostrano con listini in flessione di 10 centesimi, su tutte le stagionature. Mentre si contengono dai 5 ai 10 centesimi sulle altre piazze lombarde. Seguono la stessa evoluzione anche Reggio Emilia e Parma, con cali differenti a seconda delle produzioni. Mentre a Modena le contrazioni dei listini sono state analoghe per tutte le produzioni, 10 centesimi in meno rispetto alla scorsa ottava.

Continua quindi il trend negativo che si protrae ormai da settimane, pur mantenendosi generalmente nella norma il volume degli scambi. Nulla da segnalare per le materie grasse e gli altri prodotti caseari.

Si rileva invece una variazione delle quotazioni per la crema di latte, che dopo aver visto nell’ultimo periodo aumentare le proprie quotazioni, ha mostrato dopo qualche settimana di stabilità diminuzioni di prezzo, passando a 2,08 euro/kg.

FONTE ISMEA 24 luglio 2011

 

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su