Pomodoro da industria, l’Emilia-Romagna si conferma il principale distretto italiano

  Bologna – E’ iniziata con una settimana d’anticipo rispetto all’anno scorso la campagna del pomodoro da industria, e ad oggi il prodotto raccolto è circa il 20% della produzione complessiva.

La produzione risulta in calo rispetto all’anno precedente, ma il pomodoro ha un elevato tenore zuccherino, ed è quindi di migliore qualità. Le superfici agricole coltivate a pomodoro sono diminuite rispetto allo scorso anno di circa l’8,5%. Una tendenza che si riscontra in tutta Europa, in Portogallo con una diminuzione del 22% e in Spagna con un calo del 19%, mentre in Cina la coltivazione incrementa dell’11%. L’andamento della campagna è stato analizzato questa mattina, nel corso della visita dell’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni ad alcune aziende agricole e di trasformazione del pomodoro da industria della provincia di Parma.

“Anche a fronte del calo di produzione – ha spiegato l’assessore Rabboni – l’Emilia-Romagna mantiene a livello nazionale il 35% di prodotto coltivato e trasformato e si conferma come il principale distretto italiano ed europeo, dal punto di vista della qualità, oltre che della quantità”.

“Buoni frutti sta dando la coesione tra produttori agricoli e trasformatori industriali – ha continuato – una sinergia che avrà il suo ulteriore suggello nel nascente Organismo Interprofessionale del pomodoro da industria, attivato a breve sulla base di una specifica legge regionale. La coesione si dimostra vincente soprattutto ora, a fronte di una concorrenza internazionale sempre più agguerrita sui costi di produzione, e deve essere indirizzata a mettere in valore la qualità organolettica delle produzioni, l’innovazione varietale e il rispetto delle risorse ambientali”:

“I produttori agricoli stanno affrontando con determinazione le sfide del mercato e il venir meno degli aiuti europei accoppiati, e chiedono tuttavia all’Europa di confermare anche per gli anni futuri l’Organizzazione comune di Mercato (OCM) e i relativi finanziamenti ai piani operativi che hanno fin qui favorito la modernizzazione del comparto – ha concluso Rabboni – A questo proposito nel corso del prossimo autunno, assieme al presidente dell’associazione del distretto del pomodoro da industria, Pierluigi Ferrari, promuoverò un momento di riflessione e di proposta con i rappresentanti della filiera produttiva e dei diversi livelli istituzionali”. /BM

FONTE ERMES –

 

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

 

Torna su