Agricoltura, Gardini (Fedagri): “È il momento per un patto tra produzione, distribuzione e politica”

Gardini (Fedagri): “L’agricoltura è a un bivio, certificarne la fine o lavorare per rilancio. siamo ancora in tempo”.

Dal Forum Nazionale dell’Agroalimentare di Cremona, la cooperazione agricola ha rilanciato la necessità di agire immediatamente per cambiare la proposta della Pac puntando alla concentrazione dell’offerta e si è detta disponibile a continuare la via già tracciata del confronto con tutte le parti su una proposta comune.

 “Siamo arrivati ad un bivio: o fare da notai e certificare la fine di migliaia di imprese agricole o mettersi a lavoro per il rilancio del settore. Non siamo rassegnati ad un’agricoltura marginale e non siamo fuori tempo massimo. Ce la possiamo ancora fare, sia per le necessarie modifiche alle proposte della Pac che a livello nazionale”. È quanto ha affermato il presidente di Fedagri-Confcooperative, Maurizio Gardini intervenendo al primo Forum Nazionale sull’Agroalimentare a Cremona.

“Per la cooperazione agricola, possiamo dire sin da ora – ha sottolineato Gardini – che la priorità sono le misure per la concentrazione dell’offerta che è la vera chiave di volta per il settore, considerando anche i dati consegnati dal censimento dell’agricoltura dell’Istat che ha fotografato un settore frammentario che negli ultimi anni ha perso 800 mila aziende e che deve necessariamente agire sul dimensionamento delle imprese”.

In questo momento, secondo Fedagri-Confcooperative occorre un ministero delle Politiche Agricole “più forte e strutturato che accompagni le imprese nelle politiche di mercato e aiuti a superare gli ostacoli alla competitività, come le finte barriere fitosanitarie che impediscono le esportazioni, non solo in mercati difficili come la Cina ma anche negli Stati Uniti”.

Inoltre, secondo la cooperazione agricola, un altro aspetto nel quale l’azione di un Ministero forte potrebbe essere decisiva è quello dell’internazionalizzazione, poiché, ha aggiunto Gardini, “non ci aspettiamo che i consumi interni possano crescere nei prossimi 3-4 anni, quindi bisogna essere capaci di stare sui mercati stranieri”.

La cooperazione ha già da tempo denunciato che sull’agricoltura pesa come un macigno la burocrazia e ha formulato delle proposte sulla semplificazione, oggi all’esame delle Commissioni Agricoltura del Senato.

“Abbiamo calcolato che, per esempio, sulle imprese vitivinicole – ha affermato Gardini – la burocrazia, gli adempimenti e le scartoffie pesano per 5 euro ogni quintale di prodotto. Ed è una zavorra che non ci possiamo permettere”.

Commentando l’annuncio della stesura di un documento condiviso dalle organizzazioni professionali agricole sulla Pac, Gardini ha ricordato che il 22 febbraio, prima ancora che arrivasse la proposta comunitaria, tutte le sigle di rappresentanza agricole e dei lavoratori avevano già messo a punto un documento di proposte che “costituiva una cornice: adesso bisogna entrare nel merito delle misure”.

“Da allora l’alleanza delle cooperative ha lavorato per implementare quelle proposte ed oggi apprendiamo che anche le quattro professionali hanno positivamente raggiunto un accordo su un documento che fa un passo avanti rispetto a quello originario – ha aggiunto – quindi siamo già tutti a buon punto e sono certo che continuando su questa strada arriveremo preparati all’appuntamento con il negoziato. Ora ci aspettiamo che si apra velocemente un confronto, noi siamo pronti. È più che mai indispensabile trovare una condivisione, perché la proposta di riforma della Pac, presentata dal Commissario europeo Dacian Ciolos, è del tutto insoddisfacente”.

Infine, il presidente di Fedagri-Confcooperative ha dato atto al ministro Saverio Romano di “aver aperto una

riflessione” sul tema fondamentale dell’accesso al credito”.

_______________________________________________

UFFICIO STAMPA FEDAGRI – CONFCOOPERATIVE Alina Fiordellisi

Via Torino 146 00184 – Roma

+ 39 380 3996627

fiordellisi.a@confcooperative.it

_______________________________________________

UFFICIO STAMPA FEDAGRI – CONFCOOPERATIVE Alina Fiordellisi

Via Torino 146 00184 – Roma

+ 39 380 3996627

fiordellisi.a@confcooperative.it

 

www.cibusonline.net cibus@nuovaeditoriale.net

Torna su