Maltempo: Coldiretti, nei campi oltre 3 mld di danni nel 2012

 

Con gli ultimi nubifragi autunnali hanno superato i 3 miliardi i danni diretti ed indiretti provocati all’agricoltura dagli eventi estremi nel 2012 con neve e ghiaccio che hanno bloccato l’Italia durante l’inverno e poi da caldo e siccità estivi che hanno bruciato i raccolti. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla nuova ondata di maltempo che ha colpito la Calabria dopo aver provocato centinaia di milioni di danni all’agricoltura in Toscana, Umbria e Lazio. Le alluvioni degli ultimi giorni concludono – sottolinea la Coldiretti – una anno devastante dal punto di vista climatico per l’agricoltura che ha provocato un contenimento delle produzioni nazionali che riescono a coprire appena il 75 per cento dei consumi alimentari nazionali. Si tratta degli effetti dei cambiamenti climatici in atto che – continua la Coldiretti – si manifestano in Italia con una maggiore frequenza degli eventi estremi, sfasamenti stagionali e una modificazione della distribuzione delle piogge. Una situazione che aumenta il pericolo di frane e smottamenti in un Paese come l’Italia che  paga il prezzo della mancanza di una politica territoriale che ha favorito l’abbandono dell’agricoltura nelle zone difficili e la cementificazione in quelle piu’ ricche con il risultato che a livello nazionale ci sono – conclude la Coldiretti –  6633 i comuni complessivamente a rischio, l’82 per cento del totale.
Fonte coldiretti 19/11/2012

Carne:

Torna su