Nuovi modi di fare impresa

Ufficio temporaneo BEACH_gde_cibus

 

di Nomad Worker –

Parma, 10 agosto 2013 – –

Uffici a noleggio, una risorsa, una comodità, un risparmio e un’occasione di business.

Anche l’ufficio viaggia con il managaer

Dapprima sono sorti nelle città metropolitane poi, pian pian, stanno diffondendosi anche nelle città cosiddette di “provincia”. E’ il fenomeno dei temporary office. Strutture professionali e attrezzate per dare ospitalità a sedi temporanee di imprese, a manager in frequente movimento e a quelle  iniziative imprenditoriali in fase di avviamento (start up).

Acquisire un ufficio temporaneo, arredato ed attrezzato vuol dire disporre, da subito, di una  struttura operativa. Un ufficio pronto all’uso proprio in prossimità degli interessi economici attuali o potenziali dell’azienda.

I fattori di positività che hanno acconsentito l’affermarsi di queste particolari tipologie di servizio sono riassumibili in:

1. operatività immediata;

2. flessibilità; sia in termini di spazi sia in termini di tempo. E’ possibile noleggiare un ufficio per poche ore sino a molti mesi. Ma, al crescere del business, è possibile aumentare le superfici o noleggiare le sale convegni e riunioni per il solo tempo utile all’evento.

3. risparmio. Una parola molto attrattiva in questo tempo di crisi. Ma una parola che dovrà rimanere nel vocabolario da oggi e per sempre. Il risparmio è il primo gradino per una buona gestione aziendale. Alcuni stimano vantaggi  che possono raggiungere quota del  70%.

  1. professionalità e immagine. Professionali sono gli addetti ai business center e professionale è l’immagine che l’impresa offre accogliendo i propri ospiti in queste strutture.  Strutture moderne, funzionali e di prestigio;
  2. vantaggi fiscali: totale deducibilità dei costi e detraibilità dell’iva;
  3. Disaster recovery.  con questa terminologia vengono indicate quelle condizioni traumatiche imprevedibili che possono verificarsi nell’impresa. In un mondo fortemente connesso e globale, le interruzioni, anche di pochi giorni, della connettività o della fruibilità dei locali aziendali possono tradursi in migliaia di euro di  mancati ricavi. Costi reali che andrebbero a sommarsi ai danni diretti subiti per calamità atmosferiche piuttosto che da incendi o di inagibilità per diverse cause agli uffici aziendali.

Tutta una serie di vantaggi operativi di incommensurabile valore che, come detto,  incideranno positivamente sui conti gestionali dell’impresa.   Ma se il punto di  osservazione viene spostato, dall’interno dell’impresa verso l’esterno, ecco scoprirsi anche l’orizzonte del business, molto più prossimo a noi di quanto non si fosse sperato o immaginato.

Un plus che questa relativamente nuova, almeno per il nostro paese, tipologia di servizi offre, e non è ancora adeguatamente promossa, sta proprio nella possibilità di “scambio” di idee, di servizi e risorse professionali con altri imprenditori ospiti del medesimo Business Center. Incontri occasionali ma anche rapporti di “buon vicinato” possono alimentare idee condivisibili e potenzialmente traducibili in occasioni profittevoli per entrambi. Come si suol dire: “da cosa nasce cosa”

A CHI CONVIENE

La soluzione dei Temporary Office è particolarmente interessante per quelle forme di impresa fortemente orientate al digitale che fanno un uso massiccio di internet e delle connessioni per relazionarsi con partner sparsi in ogni luogo. Ma anche per quegli studi professionali che fanno della “creatività” il loro core business senza escludere infine quelle imprese di servizi o commerciali che necessitino di punti d’appoggio per i propri manager o per la propria forza vendita.

Subito pronto all’uso. A qualsiasi ora esiste un luogo accogliente, riservato e professionale dove il manager arriva ed è subito operativo. Disporre di una linea telefonica personale, una connessione internet efficace e di un supporto di segreteria con attrezzature sempre efficienti può essere un sogno anche all’interno della propria sede principale.  – Stampanti di rete, scanner, fotocopiatrici sempre efficienti. Un luogo tranquillo e sicuro ottenuto senza sforzo. Quanto sarebbe stato il costo per ottenere tutte le autorizzazioni dai diversi uffici della pubblica amministrazione? Con l’utilizzo dei temporary office tutti questi oneri vengono bypassati.

Utilissimo per fasi di start up.

Non solo pantofole e pigiama ma anche dignità professionale.

Molti giovani forti di idee e ex giovani, magari esodati, con energie e altrettante idee da vendere possono trovare nell’ufficio a noleggio quella soluzione a basso costo, attrezzata, professionale e soprattutto dignitosa che consenta loro di costruire o ricostruire una posizione lavorativa a basso costo  e ad alto contenuto relazionale.

Nella delicata fase di avviamento di una impresa ex novo o di una nuova fase progettuale collocata in sede diversa dall’originale, quindi vicina al nuovo interesse economico, l’utilizzo di servizi come quelli offerti dai Temporary Office, consente di dedicare totalmente e da subito l’attenzione al core business, al nuovo progetto. Tutte le preoccupazioni e i tempi “morti”, improduttivi e costosi, dovuti alle pratiche amministrative, licenze, autorizzazioni e chi più ne ha più ne metta  non sono neanche da mettere in conto.

Nel noleggio, infatti, sono compresi gli oneri dovuti a energia elettrica, manutenzione ordinaria e straordinaria, spese condominiali, tasse smaltimento rifiuti, copertura assicurativa dei locali.

CONCLUSIONI

E’ frequente, soprattutto in clima recessivo,  andare alla spasmodica ricerca di nuove idee e nuovi progetti. Inseguire quell’idea “vincente” che cambierà il corso aziendale o personale.  L’urgenza di realizzare nuovi fatturati e la chimera di intraprendere il percorso che ridarà vitalità all’impresa tendono, spesso, ad offuscare i contorni dei progetti trasformandoli in “miraggi”. Il risultato di un percorso, spesso non sostenuto da un lucido piano di marketing,  frutto di una pressione esterna è  di cadere in quei piccoli fallimenti che, oltre a erodere margini all’impresa, corrodono e  deprimono l’imprenditore.

Stesso processo psicologico si presenta nei giovani in cerca di prima occupazione o in quei manager fuorisciti dalle imprese e ora disponibili sul mercato del lavoro con il loro bagaglio di esperienza da vendere.

Ognuno di questi è portatore di energia e di doti, chi di creatività e energica esuberanza come i giovani, chi di competenze e  esperienze sostenute dalla capacità relazionali e responsabilità. L’incontro di queste diverse doti a così diverso potenziale potrebbe risultare esplosiva e generare processi di successo professionale e economico per entrambi.

Perché questo accada devono, però, realizzarsi due condizioni contestuali:

  1. Che i soggetti siano curiosi e  aperti a incontrare generazioni diverse;
  2. che esista un luogo ove questi possano scambiarsi le idee in modo professionale.

Nei Business Center o Temporary Office questo  può accadere. Attraverso il coworking (identificato nello slang anglosassone cowo) molti problemi possono risolversi e, insieme all’abbattimento dei costi, nuovi ricavi possono alimentarsi.

Provare per credere.

 

 

Torna su