Il mercato lattiero globale

FIENO8_cibus

di Virgilio 14 agosto 2013 – –

 

Le settimane centrali di agosto, come è di tradizione, sono all’insegna della stabilità anche in ragione della chiusura delle borse nella settimana di ferragosto.

L’occasione è quindi propizia per fare una disamina generale del mercato dei lattiero caseari con il contributo dell’ufficio studi di CLAL.

latte var produzione paesi

PRODUZIONE DI LATTE MONDIALE IN DIMINUZIONE

Le principali cause della minor produzione di latte nei primi 5 mesi del 2013 rispetto all’anno 2012 sono da ricondursi alle condizioni climatiche sfavorevoli che hanno interessato entrambi gli emisferi e al costo elevato degli alimenti zootecnici.

Annualmente, tra i mesi di Maggio e Giugno le produzioni di latte in Europa raggiungono il loro massimo, mentre in Nuova Zelanda raggiungono il minimo. Segue una diminuzione in UE ed un aumento in NZ, che rendono il mese di Agosto un momento congiunturale particolarmente delicato. La produzione lattiero-casearia Europea e Australiana risente della minor disponibilità di latte.

Il trend generale delle Esportazioni mondiali è in diminuzione, ad eccezione del Formaggio. In Europa vi sono nuove destinazioni del latte oltre al tradizionale latte condensato, come il latte confezionato UHT e per l’infanzia esportati in Cina, il latte sfuso esportato in Croazia.

Latte var produzione mondiale player

LA LEADERSHIP EUROPEA NEI FORMAGGI RESISTE

Nei primi 5 mesi del 2013 la domanda mondiale di Formaggi è attiva. L’Unione Europea conferma la propria leadership nel mercato mondiale dei Formaggi.

Il trend esportativo positivo è stato favorito anche da prezzi complessivamente equlibrati e contenuti.

l prezzo del Latte alla Stalla beneficia dei maggiori ricavi dai prodotti derivati (SMP, WMP, Formaggi, Burro).

In Europa le consegne di latte nei primi 5 mesi del 2013 hanno registrato un calo tendenziale causato principalmente dalle condizioni climatiche sfavorevoli e dai maggiori costi di alimentazione.

Anche la produzione di latte in Italia risente dei maggiori costi dell’alimentazione e degli aspetti climatici.

I PREZZI SI MANTENGONO A LIVELLI ELEVATI

Il prezzo del Latte alla Stalla beneficia dei maggiori ricavi dai prodotti derivati (SMP, WMP, Formaggi, Burro).

prezzi del Burro in Europa si mantengono su valori sostenuti
anche per effetto del dazio (1.896 €/ton) imposto dalla UE agli Stati Membri importatori. Per completare le informazioni è possibile consultare il documento nel sito di CLAL direttamente.

Latte costo alim italia

Torna su