Mais OGM, la mozione di Barbati (IDV) in Regione Emilia Romagna

 

 Mais_cibus

Bologna, 27 agosto 2013 —

AGRICOLTURA. MAIS GENETICAMENTE MODIFICATO, MOZIONE BARBATI (IDV): REGIONE PRESIDI DIVIETO COLTIVAZIONE

La Giunta dovrà adottare ogni misura necessaria a presidiare, sull’intero territorio regionale, il “divieto di coltivazione del mais di qualità Mon 810 introdotto dal decreto del ministero della Salute del 12 luglio 2013”.
Lo chiede una mozione presentata dalla consigliera Liana Barbati (Idv), in cui si specifica che queste “misure cautelari provvisorie” sono state assunte dal ministero a fronte “dell’inerzia della Commissione europea”, a cui lo stesso ministero, unitamente a quello delle Politiche agricole, aveva richiesto “l’adozione di misure urgenti di prevenzione e contenimento dei rischi connessi alla coltivazione” di questo mais geneticamente modificato, che, secondo l’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) produrrebbe una “tossina in grado di incidere negativamente sulla salute, sull’ambiente e sull’agrobiodiversità”, “rischi tali da giustificare un rafforzamento delle misure di gestione e di sorveglianza” per “ridurre le possibili conseguenze” negative.
Barbati sollecita quindi la Regione a “proseguire nell’attività di vigilanza e controllo” circa la “diffusione delle colture geneticamente modificate e alla presenza di Ogm nell’alimentazione umana e animale”, sul territorio dell’Emilia-Romagna, “al fine di tutelare i consumatori, l’agricoltura, l’ambiente e la biodiversità”.
Nel documento, si invita infine Il Governo ad attivarsi in sede europea, e in particolare nei confronti del Consiglio della UE, perché sia “tempestivamente perfezionata la procedura legislativa ordinaria di approvazione della proposta di regolamento” “che modifica la direttiva 2001/18/CE per quanto concerne la possibilità degli Stati membri di limitare o vietare la coltivazione di Ogm sul loro territorio”.
Proposta della Commissione europea – si legge nella mozione – già approvata dal Parlamento di Strasburgo nella seduta del 5 luglio 2011, che, tuttavia, non è stata ancora approvata dal Consiglio dell’Unione, fatto che preclude il perfezionamento del procedimento legislativo e quindi l’approvazione del relativo regolamento. (AC)

 

Torna su