Anche i ricchi piangono?

Poveri_ma_belli - renato salvatori e maurizio Arena _cibus

di Lamberto Colla —

Almeno una volta eravamo “Poveri ma Belli”.

Parma, 7  settembre 2013 –

L’estate sta finendo e i palinsesti delle diverse reti stanno scaldando i motori per la ripresa della nuova stagione televisiva. Tra i primi a rimettersi in moto, tra le proposte di programmi giornalistici d’inchiesta, è stato, lunedi scorso, “PresaDiretta” condotto dal bravo e pacato Riccardo Iacona,  con una serie di 4 puntate imperniate sulla distribuzione della ricchezza. Dopo aver raccontato l’enorme ricchezza privata del nostro paese nella prima puntata, accende le sue telecamere sulla ricchezza invisibile, quella non accertata, i soldi dell’evasione e quelli prodotti dalla grande criminalità organizzata. Questo il tema della prossima puntata di lunedi 9 settembre. Già con la prima puntata, però, Iacona ha fatto “bingo”. Il confronto proposto tra ricchi e poveri del nostro Paese ha catalizzato l’attenzione di quasi 2.200.000 ascoltatori.  

Ricchezza e povertà: trend opposti

Elemento di traino della puntata senza dubbio l’argomento: il lusso sfrenato contrapposto al l’indigenza crescente. La squadra di giornalisti Rai3, capitanata da Riccardo Iacona, è riuscita ad evidenziare dei dati allarmanti: l’Italia è una nazione dove la ricchezza privata emerge ben più che in altre nazioni, come la Francia e la Germania. Altro elemento distonico emerso sta nella tendenze registrate dei dati economici: da una parte i consumi sono in decrescita su tutti i settori, dall’abbigliamento al cibo, mentre dall’altro i beni di lusso sono in continua ascesa.

La cruda realtà dei numeri proposti da Iacona, fotografano la realtà peggiorata da tre anni di governo tecnico:

  • 1 milione di disoccupati (3.144.000 totali)
  • 4.200 aziende corrispondenti a 43 fallimenti al giorno

9.600.000 persone vivono in stato di povertà relativa (16% della popolazione)

5.000.000 di persone vivono in stato di povertà assoluta (+615 poveri al giorno)

+530.000 cassintegrati dall’inizio anno.

A questi dati si contrappongono quelli relativi alla ricchezza e al suo allocamento:

9mila miliardi di euro è il valore della ricchezza privata in in Italia. Quasi 5 volte il valore del debito pubblico fermo, si fa per dire, a 2000 miliardi di euro.

240.000 persone multimilionarie (media 5 milioni di euro) ai quali si aggiungono i 9 milioni di milionari che insieme posseggono il 50% del patrimonio privato nazionale. In sintesi il 10% della popolazione detiene il 50% del patrimonio.

E’ appunto da questi dati che l’ex direttore generale di Intesa e ora presidente di SEA, Pietro Modiano, ripropone a Iacona la sua idea già espressa nel 2011: fare una “patrimoniale” da 20 miliardi annui per 4 anni allo scopo di ridare fiato alle trombe (consumi) .

“Abbiamo ancora adesso bisogna di una patrimoniale – spiega Modiano a Iacona – perché siamo in una fase straordinaria, non c’è mai stata una crisi lunga cinque anni. Se noi riusciamo nell’operazione di trasferire risorse da chi ha una bassa propensione al consumo, che sono i ricchi, a chi ha un’alta propensione al consumo, possiamo far ripartire l’economia.”

Apparentemente una soluzione condivisibile seppure di difficile realizzazione. Difficile per il basso tasso di fiducia detenuto dagli italiani verso gli organi dell’amministrazione dello stato e del panorama politico connesso alla incertezza del buon uso di questi prelievi cospicui. Prima sarebbe opportuna  una adeguata e consolidata politica di riordino dei conti pubblici e la rimozione, almeno in parte, delle cause che alimentano il continuo incremento delle spese d’apparato. Una seria “spending review” non è ancora stata proposta. Pertanto, la conseguenza più probabile alla proposta di Modiano sarebbe una nuova fuga di patrimoni verso lidi sicuri oltre confini.

Orgoglio, dignità e buongusto

Se quel 10% di “fortunati” volessero regalare qualcosa al Paese dal quale hanno, con abilità e fortuna,  ottenuto così tanto non sarebbe un gesto sgradito. Renderebbe onore a tutta la categoria dei “paperoni” verso la quale si guarda in parte con invidia e ammirazione e in parte con rabbia e disprezzo. E’ l’opulenza ostentata e la incapacità di rendersi conto della realtà da parte di alcuni di loro che fanno emergere i sentimenti negativi verso la categoria paperoniana. Alcuni esempi ben rappresentati nella trasmissione di Iacona una fra tutti la “signora dei salotti romani” Marisela Federici. Elegante e bella signora amante del “bello” e della ricercatezza. Nipote di un ex presidente del Venezuela, convolata in seconde nozze con Paolo Federici, rampollo di una famiglia aristocratica italiana Marisela Federici è riuscita a mostrare un lato della sua personalità e del suo stile di vita che forse sarebbe stato apprezzato, dai più, nell’epoca fulgida degli anni ottanta quando i piumini monclair e i paninari rappresentavano uno strato più ampio di popolazione. Buon per lei che può permettersi 6 aiutanti domestici, una stanza per i bicchieri, una per le porcellane,  una per le posate  e altre attrezzature destinate a arredare, di volta in volta con stili e temi diversi, le cerimonie private che si consumano nella sua lussuosa e sempre aperta dimora romana.

Quello che invece ha fatto irritare sono stati i diversi momenti di caduta di stile della signora. Una serie di occasioni perdute di regalare perle di buongusto. Affermazioni e atteggiamenti in totale contrasto con la raffinatezza dei ricevimenti che stava narrando all’intervistatrice.

Concordo pienamente con lei che sia “meglio una festa al mese che un analista alla settimana” e potrei anche concordare sul fatto che sia necessario non farsi ottenebrare dalla negatività e perseverare nella ricerca di nuovi lavori e occupazioni. Non posso però tollerare le affermazione fatte calare sull’argomento della crisi e dei suicidi. «Sono gesti disperati, – afferma la nobildonna – che non portano a nulla. Molto meglio la speranza». E poco dopo prosegue incalzata sull’argomento della crisi con un’ultima perla di saggezza «Non voglio essere cinica. Secondo me hanno un altro tipo di problemi. Hanno problemi mentali, più che economici o altro. Sono persone che hanno già una tara mentale che li porta a gesti disperati e conclude con l’invocazione all’azione come fanno i grandi manager: «Lavorassero un po’ di più questi che si lamentano tanto. Che si mettessero a lavorare». Già a lavorare. Qualche scansafatiche c’è in giro ma molti, tantissimi, invece sono disponibili a qualsiasi lavoro, anche solo quello che servirebbe a pagare le sole bollette e un po’ di verdura e frutta per i figli, felici di non avere nulla per sé stessi ma solo la coscienza a posto.

Mortificare l’orgoglio e la dignità sono delitti che andrebbero puniti severamente perchè minano le basi sulle quali si regge la nostra società: la famiglia. Genitori impossibilitati a reagire ai fenomeni che li opprimono che non riescono a garantire un futuro al loro frutto d’amore giovanile la dignità non può essere intaccata. Perduta quella sono precluse tutte le opzioni di speranza tanto invocata dalla signora Marisela. E senza speranza il buio diventa tenebra. Il passo successivo è l’alienazione di sé stessi se un tocco fatato non giunge prima dell’atto estremo. Si, signora, saranno stati malati ma a seguito di una grave malattia: la crisi che li ha, con mano invisibile, soffocati.

 

Riccardo Iacone di PRESADIRETTA

 

Conclusioni

Ammirazione invece  hanno raccolto le testimonianze più umili offerte dalla trasmissione di Iacone. Donne e uomini privati di quasi tutti beni materiali e colpiti da gravi malattie che riescono ancora a tenersi attaccati alla speranza del cambiamento e lo insegnano quotidianamente ai loro figli. Figli che spesso devono “marinare” la scuola perchè non hanno la possibilità di pagarsi il refettorio. Genitori che, nella indisponibilità di quasi tutto, dedicano il loro tempo libero ad assistere altri nelle loro medesime condizioni economiche ma oppressi da peggiori condizioni d’altra natura. Donne e uomini invisibili che reggono pesi enormi che schiaccerebbero degli elefanti capaci di imprese straordinarie. Donne e uomini di cui nessuno, tranne Dio, si ricorderà del loro nome ai quali la società dovrebbe tributare onori. Donne e uomini verso i quali i fortunati dovrebbero concedere qualcosa, almeno per non fare disperdere al vento la loro dignità.

Complimenti a Iacone per come è riuscito a confezionare una trasmissione che ha toccato le corde più sensibili senza la retorica che spesso accompagna alcune inchieste giornalistiche.

Un grazie a coloro che potranno dare il loro contributo a rimettere in carreggiata la macchina Italia e tutte le sue potenzialità ancora inespresse.  A voi politici l’ardua sentenza.

 

 

Torna su