AVIARIA: dopo il primo caso di contagio umano il Codacons attacca il Ministero della salute.

 

DICHIARAZIONI RASSICURANTI INUTILI E FUORI LUOGO. SUBITO INTERVENTI SU ALLEVAMENTI A RISCHIO

Aviaria_cibus

Roma, 3  settembre 2013 –

 

Dopo il primo caso di contagio umano da aviaria, che ha visto protagonista un lavoratore presso un allevamento di Mordano, il Codacons critica fortemente l’operato del Ministero della Salute.

“Come sempre avviene in questi casi, quando un virus passa dagli animali agli uomini il Ministero si appresta a fornire dichiarazioni rassicuranti, che appaiono inutili quanto fuori luogo – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Già lo scorso aprile, in occasione dell’allarme mondiale relativo al virus H7N9, avevamo chiesto al dicastero misure d’emergenza a tutela della salute dei cittadini, per evitare contagi e il diffondersi della malattia nel nostro paese. E anche allora il Ministero aveva minimizzato l’allarme fornendo rassicurazioni agli italiani”.

“A seguito del contagio umano registrato presso l’allevamento di galline di Mordano, il Ministero della salute deve ora intervenire per arginare la diffusione della malattia, individuando prodotti, animali e allevamenti a rischio e adottando, se necessario, provvedimenti anche drastici” – conclude Rienzi.

(Codacons)

 

Torna su