Aviaria, terzo contagio umano

Galli e galline_cibus

Dopo il sesto focolaio riscontrato, giovedi scorso, a Bondeno ma localizzato in un allevamento per uso domestico, il bollettino odierno registra il terzo caso di contagio umano.

di Virgilio-

Emilia, 10 settembre 2013 – –

Terzo caso di contagio umano di aviaria in Emilia-Romagna. La conferma è arrivata questo pomeriggio dall’Istituto superiore di sanità. Si tratta di un operatore – dipendente della cooperativa impegnata nelle operazioni di abbattimento – che era risultato positivo ai test eseguiti al Sant’Orsola di Bologna.
Anche in questo caso, come i due precedenti, il lavoratore è stato sottoposto ad isolamento domiciliare e gli sono state fornite indicazioni igieniche da seguire ed è in sorveglianza attiva fino a guarigione clinica. Fino ad ora sono tre i casi verificati e riguardano lavoratori.
Per i 59 lavoratori esposti nei primi 4 allevamenti, anteriormente alla individuazione dei focolai si è conclusa la sorveglianza sanitaria. Un lavoratore del quinto focolaio (la pulcinaia di Mordano) è oggi in sorveglianza attiva da parte degli operatori della sanità pubblica, così come 6 familiari dei casi accertati o sospetti. Sono, inoltre, in sorveglianza attiva 10 persone per il focolaio rurale di Bondeno.
Per tutti gli altri lavoratori coinvolti (circa 300) – impegnati comunque con diverse mansioni e durata nelle operazioni di controllo dei focolai – è prevista una specifica sorveglianza sanitaria.

Dopo l’ultimo focolaio di Bondeno, sulla base dei protocolli operativi per la prevenzione della diffusione del virus è istituita una nuova zona di protezione e sorveglianza intorno al focolaio di Bondeno: la prima, più vicina, riguarda parte dei comuni di Bondeno e Finale Emilia e la seconda, più ampia, che interessa le restanti parti di Bondeno e Finale e alcune aree dei comuni di Cento, S. Agostino, Mirabello e Mirandola.
L’ordinanza per l’attuazione degli interventi previsti sarà emanata dal Ministero della Sanità poiché sono interessate dall’area di sorveglianza anche alcune zone della provincia di Mantova.

Cosa fare per chi ha allevamenti domestici
Per quanto riguarda gli allevamenti domestici di galline, anatre, oche e altri volatili – definiti in gergo “allevamenti avicoli rurali” – non ci sono pericoli che possano derivare dal consumo delle loro carni o uova.
– Le precauzioni –
Le precauzioni da utilizzare sono quelle che servono per evitare il contatto con animali selvatici: in questo momento di emergenza è necessario proteggere gli animali tenendoli al chiuso. Inoltre, è opportuno che i proprietari degli animali e i loro familiari evitino sia il contatto con animali di specie sensibili (galline, anatre, oche e altri volatili) all’influenza aviaria di altri allevamenti sia lo scambio di attrezzature per la gestione di questi animali.
– Se si sospetta il contagio
Nel caso di sospetto della malattia, ossia una morte improvvisa e contemporanea di diversi animali come nel caso di Bondeno, occorre contattare il Servizio veterinario del Dipartimento di sanità pubblica dell’Azienda Usl di riferimento, che provvederà ad effettuare gli accertamenti necessari.
I Servizi veterinari delle Aziende Usl di concerto con il Servizio veterinario e igiene degli alimenti della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con i Comuni coinvolti stanno predisponendo ulteriori informative (F.A.Q.) al fine di rispondere ai più frequenti dubbi e domande che i cittadini si pongono circa i comportamenti da tenere e le informazioni di cui disporre in questa circostanza.

Torna su