Vendemmia 2013: maggiore quantità e migliore qualità

 

uva e viti_rocchetta1

Dopo alcuni anni di vendemmie anticipate, il 2013 torna nella “tradizione”. Il culmine tra  fine settembre e ottobre.

di LGC – Parma 26 settembre 2013 –

Secondo le stime Ismea e Unione Italiana Vini la produzione di vino 2013 dovrebbe attestarsi sui 44,5 milioni di ettolitri, l’8% in più rispetto ai 41,1 milioni indicati dall’Istat per la scorsa campagna.

Dopo una stagione primaverile caratterizzata da forti piogge  e sparse grandinate su tutta la penisola, la stagione della vendemmia torna nell’arco tradizionale di raccolta tra settembre e ottobre. Una raccolta che porterà, sempre secondo e stime di Ismea, a  superare la produzione 2012 (Vedi tabella).

Le temperature estive elevate hanno quindi consentito un buon recupero delle produzioni e ottime speranze di qualità in vinificazione.

A livello territoriale, nel Mezzogiorno l’esito vendemmiale dovrebbe tradursi in maggiori incrementi rispetto alle regioni del Nord. Questo in un contesto di crescita generale, ad eccezione del Friuli Venezia Giulia e dell’Umbria, dove la vendemmia, in calo rispettivamente del 5 e del 3 per cento su base annua, avrebbe subito le ricadute sia delle avversità atmosferiche che di problemi fitopatologici.

 Vino produzione stima ismea

Torna su