Cresce il solito “parmigiano”

 

Calo sensibile delle creme a uso alimentare per la seconda settimana consecutiva.

PRRE Spalliera_cibus

di Virgilio – Parma, 18 Dicembre 2013 –

 

Dopo la breve pausa di una sola settimana, altri 5 centesimi sono stati guadagnati dal Parmigiano Reggiano seppure limitatamente al fresco. Alla borsa merci di Parma, nella seduta dello scorso venerdi, il volume degli scambi è risultato buono e il formaggio di 12 mesi ha raggiunto quota 8,95€/kg come prezzo minimo e 9,40€/kg come massimo. Nel frattempo i dati di produzione del mese di novembre, diffusi dal Consorzio di tutela indicano, una produzione in diminuzione con 2.226 forme in meno prodotte rispetto l’analogo mese dell’anno precedente, portando quindi a una contrazione dello -0,9% dall’inizio d’anno.   Nessuna variazione in termini di prezzo sono da segnalare per il Grana Padano Dop e per il Burro. E’ invece con il segno negativo il valore del Latte Spot a Verona che scende a 51,03 €/100 litri  e  52,07/100 litri rispettivamente come prezzi minimo e massimo registrando un calo del -2,91%. Altrettanto è da registrare per le creme di latte ad uso alimentare (40% di materia grassa) che alle borse di Milano e Verona cedono rispettivamente il -3,57% e il -3,13% fissando il prezzo a 2,16€/kg a Milano e tra 2,15 e 2,18€/kg a Verona.

 

Le produzioni delle due principali DOP-  fonte Ismea

Grana Padano_cibus

Produzione di Grana Padano –  novembre 2013 

Gli ultimi aggiornamenti diffusi dal Consorzio di Tutela indicano un aumento della produzione di Grana Padano nel mese di novembre. In dettaglio, sono state prodotte 353.030 forme, pari al 4,5% in più rispetto allo stesso mese del 2012.
Nonostante il recupero degli ultimi due mesi, la tendenza complessiva del 2013 resta contraddistinta dal segno negativo, con una produzione complessiva pari a 4.165.873 numero di forme (-3,6% rispetto al periodo gennaio-novembre 2012).

PRRE Dop_gde_cibus

Produzione di Parmigiano Reggiano –  novembre 2013 –  

Nel mese di novembre è riapparso il segno negativo nella produzione di Parmigiano Reggiano. In base ai dati diffusi dal Consorzio di tutela, sono state prodotte 2.226 forme in meno rispetto al mese di novembre 2012 portando il bilancio dall’inizio dell’anno ad una contrazione dello 0,9%.
In particolare, il calo della produzione si è registrato nelle provincie di Modena (-3,5%), Reggio Emilia (-1,8%) e, seppure in misura minore, Mantova (-0,8%). Stabile la produzione a Bologna, mentre per i caseifici di Parma si è registrato un aumento dell1,1%.

Torna su