L’Italia esporta riso in…Cina

L’Italia esporta riso in…Cina

 

 riso

Ora è Taiwan che “si mette di traverso” ed a farne le spese sono i nostri produttori di olio e di riso (curiosa la notizia! esportiamo in Cina).

– Parma 12 aprile 2014 –

La Repubblica di Cina (quella arroccata nell’isola di Formosa dai tempi della Rivoluzione di Mao) in realtà pare non abbia in animo nessuna ritorsione verso l’Italia.

E di motivi ne avrebbe: mentre Obama apre le porte alla Cina di Taipei scatenando, per farla entrare, Michael Lawson, suo rappresentante in seno alla Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO), così da equiparare Taiwan a tutti gli altri Stati, l’Italia nega uno spazio fra le Nazioni all’EXPO 2015 per compiacere la Cina continentale (che invero fa grossi affari con l'”antagonista” taiwanese e che gli ha riservato un posto di rango “sovrano” nella precedente Expo, tenutasi a Shanghay nel 2010).

Tutto lascerebbe supporre che si tratti di una piccola vendetta  ma la realtà pare essere un’altra: quanto all’olio, Taipei, a seguito di un incontro tra esperti chimici italiani con i colleghi tecnici del Ministero della Salute di Taiwan e l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese (ex ICE) di Taipei ha comunicato che il Governo taiwanese avrebbe accettato le analisi chimiche sulla “clorofillina cuprica”  (che è un colorante)  esclusivamente se effettuate dalle ASL italiane e non da altri laboratori europei; si tratta di 7.000 tonnellate di olio di oliva annualmente importato a Taiwan, per un valore stimato di circa 62 milioni di euro per 50/60 per cento di provenienza italiana.

Una soluzione semplice, basta che le analisi siano effettuate in Italia, dalle ASL e non commissionate all’estero…

Stesso discorso per il riso la cui importazione dall’Italia anch’essa bloccata a Taiwan per una controversia sulla presenza di pesticidi.

In realtà ancora una volta la neglittosità è tutta italiana.

Basterebbe che l’Italia mantenesse i propri impegni, (nel nostro caso di riunire il “Foro italo-taiwanese di cooperazione economica, industriale e finanziaria” che è la sede ordinaria di discussione, tra il nostro Ministero dello sviluppo economico e il Ministero dell’economia di Taiwan) per chiarire fra le parti i problemi che di volta in volta sorgono, ora, quelli dell’olio e del riso.

Taiwan per quanto non paragonabile come mercato alla Cina comunista, non è del tutto isolata a livello internazionale (ad esempio, la Santa Sede intrattiene relazioni diplomatiche con Taipei non con Pechino e così 23 nazioni al mondo).

Ed anche nel nostro Paese non mancano gli amici di Taiwan posto che fioccano le interrogazioni parlamentari a difesa delle piccola isola di Formosa e, soprattutto, dei produttori italiani in questo caso.

Oltre trenta parlamentari con diverse iniziative hanno richiesto ai Ministri responsabili (Esteri e Sviluppo Economico) di prendere posizione.

Per ora senza  risultato: debole con i forti e forte con i deboli sembra essere il leitmotiv della politica economica estera dell’Italia.

Ed intanto gli esportatori di riso e di olio possono attendere.