Terzoni vini, quando la tradizione sposa l’innovazione

Bacedasco_alto Panorama_gde_cibus

E’ la quinta generazione di vitivinicoltori che si tramanda, dal 1860, la passione per innovare. Da due anni, la Società Agricola Terzoni Claudio srl, è vincitrice dei più ambiti riconoscimenti nazionali e internazionali.

Di Lamberto Colla – Bacedasco Alto 18 maggio 2014 –

Accoccolata tra i morbidi colli di Bacedasco, splendido villaggio piacentino che sino a circa 40 anni fa era meta di turismo termale, l’azienda a indirizzo vitivinicolo della famiglia Terzoni, fa strage di premi e riconoscimenti internazionali. L’ultimo, o almeno così pensavo che fosse, è stato quello ricevuto il mese scorso al Vinitaly; il premio “Banca Popolare di Verona” assegnato al vino Colli Piacentini Doc Malvasia Passito “Sensazioni D’inverno – le Virtù del Poggio” 2011 per aver conseguito il miglior punteggio fra tutti i vini veneti, o emiliano romagnoli, o trentini o friulani di tutte le categorie previste dal regolamento del 21° Concorso Enologico Internazionale. Un riconoscimento di elevato prestigio nazionale che si va a affiancare ai tanti altri già collezionati dall’azienda. Già perché è di pochi giorni fa la novità che, per il secondo anno consecutivo, il Malvasia passito 2011 “Sensazioni D’inverno” ha ricevuto la medaglia d’oro al Concours Mondial de Bruxelles emergendo tra 8.200 vini selezionati tra 50 Paesi.

Concorso Mondiale Bruxelles_2014_Nino_gde_cibus

 

”Nella botte piccola sta il buon vino.

– In parte per la giovane età, in parte per l’elevata professionalità, fatto sta che Marco Terzoni sta imprimendo all’azienda di famiglia un impulso innovativo pur mantenendo saldo il legame con la tradizione e il territorio.

Obiettivo: qualità, innovazione e salute. Esempio principe di questa filosofia è rappresentato dal Gutturnio Riserva Superiore. Un vino barricato 6 mesi in botte di rovere francese, “un legno in grado di rilasciare delle note molto molto particolari e che va sull’idea dell’Amarone – commenta Marco Terzoni – chiamato “Poggio del Vento” ma che non produciamo tutti gli anni. Questa tipologia di vino, quest’anno non è in produzione ad esempio, l’ultima annata è quella del 2007. Infatti, se durante l’affinamento il prodotto non lo reputo idoneo il vino non esce in commercio”. La passione della cantina ha portato il 27enne della famiglia Terzoni a indagare nuove frontiere tecnologiche e a sperimentarle in prima persona. Così mostra orgoglioso la pressa pneumatica che lavora in assenza di ossigeno e “inietta all’interno azoto e CO2, illustra Terzoni, che a fine lavorazione viene eliminato.” Il processo risulta, come è ovvio, più costoso ma a tutto vantaggio della produttività, della salubrità e della qualità del prodotto finale ben percepita dal consumatore disposto quindi a riconoscerne un prezzo leggermente superiore.

Botte in legno di rovere francese

Botte in legno di rovere francese

“Sia sul ciclo produttivo, sia sul valore di prezzo della bottiglia abbiamo un riconoscimento di valore. Infatti – prosegue il wine maker – con questo tipologia di pressa riesco a ottenere un 5-10% di prodotto in più, di maggiore qualità (minori sedimenti, minore feccia) e, altra cosa, i vini sono più salutari perché abbiamo meno solfiti”. Questo particolare processo di pressatura è dall’azienda applicato a tutti i prodotti bianchi, rossi e passiti. Per il passito, che ricordiamo ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti anche internazionali, dallo scorso anno è stato introdotto un particolare procedimento di pressatura, della durata di circa 8 ore, in grado di estrarre tutti i fattori positivi che fanno grande il “Sensazioni d’Inverno”.

Marco Terzoni con i suoi "campioni"

Marco Terzoni con i suoi “campioni”

 

La pulsione innovativa è sfociata addirittura nella registrazione di un brevetto a garanzia e protezione di una particolare tecnica di arricchimento aromatico. Il processo brevettato, denominato Crioestrazione aromatica, si distingue per il susseguirsi di fasi di choc termici, in cella frigo. In breve sintesi, l’uva, raccolta in cassette di legno, viene sottoposta, per 10-15 giorni, a quotidiani sbalzi termici compresi tra -2, -4 gradi e +8, +10 gradi. Una tecnica che ha consentito all’Ortrugo fermo “Per Elisa” di distinguersi dalla concorrenza arrivando a conquistare il premio “Douja D’Or” di Asti.

Rassegna stampa

Rassegna stampa

L’ultima, in ordine di tempo, innovazione introdotta in azienda da Marco Terzoni riguarda il controllo da remoto dei processi fermentativi di cantina. “Sono spesso fuori azienda, per effetto della attività di consulenza enologica, e perciò ho necessità di tenere sotto controllo i processi cinetici di fermentazione e di intervenire, se necessario, sui parametri come se fossi in azienda. Per mezzo di questo dispositivo collegato a una centralina di controllo posso, in ogni momento, controllare come sta procedendo la fermentazione e mi consente anche di intervenire, aumentando o abbassando la temperatura o aumentando la quota di ossigeno. La cosa bella è che la fermentazione è continua e sempre perfetta. Paradossalmente ho un più preciso controllo, mentre sono in giro per il mondo, piuttosto che avere una persona fissa in azienda e dedicata agli assaggi”. Il sistema, ancora sotto forma di prototipo, sembra stia perfettamente rispondendo alle esigenze per il quale è stato progettato. Tecnologia quindi e innovazione hanno contribuito a realizzare prodotti di qualità che hanno incontrato il gusto della critica anche internazionale e i premi ottenuti hanno dato il loro supporto a fare avvicinare i buyer stranieri. “Quest’anno, illustra Terzoni, abbiamo partecipato a Cibus per la prima volta e questo ci ha consentito di venire in contatto con importatori giapponesi.” Un traguardo importante per una impresa vitivinicola che da relativamente poco tempo ha avviato un radicale processo di trasformazione con uno spiccato orientamento al mercato e alle nuove mode. “Quasi tutte le nuove tendenze hanno una origine statunitense e anche il vino segue questa regola. Ad esempio, già cinque anni fa, negli USA andava di moda il vino Rosé e puntualmente tre anni dopo è tornato prepotentemente di moda anche in Italia. Un vino particolarmente apprezzato dal mondo femminile al quale anche noi abbiamo deciso di dare soddisfazione con “Stille di Vanità”. Un vino rosato per il quale abbiamo studiato anche una colorazione più prossima ai gusti femminili con tendenze cromatiche tendenti al violetto invece del solito color salmone. Da quest’anno abbiamo introdotto l’utilizzo della “Giara in terracotta con rivestimento in cera d’api”; un concetto derivato dal Portogallo, adatto a esaltare quelle note speziate, di cannella e pepe rosa, così apprezzate dall’universo femminile”.

Giara con rivestimento di cera d'api

Giara con rivestimento di cera d’api

– Conclusione –

40.000 bottiglie di vino prodotte ogni anno, un’equilibrata gamma di prodotti composta da bianchi, rossi, rosati e passiti. E’ questo il frutto della passione a vinificare le uve raccolte nei 7 ettari di vigneto che adornano il centro aziendale a sua volta immerso nei Colli Piacentini. Un distretto suggestivo dove la tradizione si è preservata quasi intatta e l’innovazione tecnologica ha sempre le porte aperte, soprattutto nella casa vinicola della famiglia Terzoni Claudio.

Vigneto

Vigneto

Torna su