Focus Ismea: le dinamiche dell’agricoltura e dell’industria agroalimentare

campagna e fabbrica_agrindustria_cibus

Per il Food & Beverage il 2014 è partito in salita. -1,1% la produzione industriale registrata da Ismea nel periodo gennaio – marzo. Per il settore primario rimane la criticità del divario tra costi di produzione e prezzi corrisposti. Il primo trimestre sembra registrare una maggiore divaricazione.

Ismea, 15 maggio 2014.

Industria Alimentare Se nel 2013 l’industria alimentare era riuscita a smarcarsi dal trend pesantemente negativo dell’intero settore industriale, chiudendo l’anno con una leggera flessione produttiva (-0,7% rispetto al 2012) a fronte del -2,9% subito dal manifatturiero nel suo complesso, nel primo trimestre dell’anno in corso i ruoli sembrano invertirsi. In base alle elaborazioni Ismea dei dati Istat mensili (indici destagionalizzati della produzione industriale) il periodo gennaio-marzo 2014 ha fatto segnare per il food & beverage una flessione della produzione dell’1,1% rispetto al trimestre precedente e dello 0,9% su un anno fa. In controtendenza, invece, l’industria manifatturiera nel suo complesso, che ha registrato una crescita congiunturale dello 0,7% e tendenziale dell’1,8%. Nonostante l’arretramento produttivo e una generale insoddisfazione delle industrie alimentari circa l’andamento attuale del mercato, il clima di fiducia del settore – che Ismea monitora a cadenza trimestrale rilevando i giudizi presso un Panel di 1.200 operatori – ha mostrato un netto miglioramento nei primi tre mesi del 2014. Dopo oltre due anni di sentiment negativo, l’indice di fiducia delle aziende ha assunto nel primo trimestre di quest’anno un valore positivo, pari a 1,6 (in un campo di variazione compreso tra -100 e +100), maturando una crescita di 6 punti rispetto al valore del trimestre precedente e di ben 17 punti sui primi tre mesi del 2013. Ad incidere positivamente sugli umori dell’industria sono le aspettative per il prossimo futuro, che si rivelano in deciso recupero, tanto da profilare un certo ottimismo, seppure con la dovuta cautela, sugli sviluppi congiunturali che riserverà il 2014. Agricoltura Per l’agricoltura italiana il fronte di maggiore criticità rimane il divario tra i prezzi corrisposti agli agricoltori i costi da loro sostenuti. Mentre nel 2013, specie nella prima parte dell’anno, grazie alla spinta inflattiva dei prezzi all’origine e alla contestuale attenuazione dei rialzi dei prezzi degli input produttivi, il settore aveva beneficiato di un momentaneo miglioramento della ragione di scambio, le indicazioni fin qui raccolte sull’anno in corso sembrano delineare una nuova divaricazione della forbice prezzi-costi. L’indice Ismea dei prezzi alla produzione in agricoltura ha fatto registrare nel primo trimestre dell’anno una flessione di quasi 5 punti percentuali su base annua a fronte di una sostanziale stabilità nel confronto congiuntuale. Sul versante dei costi, invece, le rilevazioni dell’istituto indicano una lieve tensione al rialzo, con un peggioramento della ragione di scambio specie nel confronto annuo (-3,9%). Ciononostante, analogamente a quanto rilevato per l’industria alimentare, anche le aziende agricole guardano al futuro con maggiore ottimismo. L’Indice di fiducia dell’agricoltura elaborato dall’Ismea, sulla base dell’indagine continuativa condotta su un panel di 750 imprese, registra infatti un miglioramento sia a livello trimestrale che annuale, sebbene risulti ancora attestato su un valore complessivamente negativo. Sono in particolare i giudizi sugli affari futuri dell’azienda a spingere in alto il clima di fiducia, in un contesto percepito più favorevole dalle aziende del settore vitivinicolo, delle fruttifere e della zootecnia da carne e meno favorevole per i seminativi, la zootecnia da latte e l’olivicoltura. Anche la dinamica degli occupati in agricoltura, nonostante si riveli per l’intero 2013 peggiore rispetto all’andamento complessivo dell’occupazione nazionale (-4,2% l’entità della fuoriuscita di manodopera agricola vs il -2,1% dell’economia complessiva), cela nella lettura trimestrale dei dati un qualche elemento di positività. Dalla seconda metà del 2013 si registra infatti un recupero progressivo del numero di lavoratori indipendenti che, richiama le nuove iniziative imprenditoriali che stanno rinnovando il tessuto produttivo in agricoltura. (Fonte Ismea, 15 maggio 2014)

Torna su