Lattiero Caseario. “Padano” stazionario mentre “Parmigiano” scende ancora.

In calo anche i derivati del latte. Nota positiva il rimbalzo del latte spot che guadagna 50 centesimi nella 21esima settimana.

Formaggi_esposizione_vari_cibusdi Virgilio Parma – 21 maggio 2014

Ancora tonalità tendenti allo scuro per il settore lattiero caseario. La ventesima settimana dell’anno non ha espresso un dato tendenziale omogeneo. Da un lato si assiste al calo dei listini del Burro, della Panna e del Latte spot mentre dal fronte caseario alla stazionarietà del Padano si contrappone la tendenza ribassista del Parmigiano Reggiano. Alcune note positive si sono evidenziate all’apertura delle trattative di lunedi scorso, 19 maggio, dove si è assistito a un rimbalzo delle quotazioni del latte spot a Verona. Un recupero di 50 centesimi (+1,37%) che si è accompagnato, sempre sulla medesima piazza, all‘1,82% della panna a uso alimentare. Nello specifico il Parmigiano Reggiano prosegue la sua tendenza al ribasso. Alla borsa di riferimento di Parma sono stati lasciati sul campo perduti 5 centesimi dalla stagionatura 24 mesi e 10 dal12 mesi. Perdite di 10 centesimi rilevate anche a Milano (12 e 24 mesi) e Reggio Emilia (24 mesi). Inerzia invece dal Grana Padano. Le quotazioni dell’ottava precedente sono state confermate sia a Mantova sia a Milano. La 21esima settimana però si apre in calo a Milano con un calo di 5 centesimi registrato su entrambe le stagionature ammesse a listino (9 e 15 mesi). I produttori svizzeri contrari alla liberalizzazione del mercato del latte con l’UE – Si tratterebbe della condanna a morte per numerose aziende, sostiene il consigliere nazionale Jacques Bourgeois (PLR/FR), direttore dell’Unione svizzera dei contadini (USC). A riportarlo il 14 maggio scorso swissinfo.ch riportando l’intervista in esclusiva concessa a Newsnet. La nuova intesa non porterebbe, secondo il direttore dell’unione degli agricoltori, nessun vantaggio al consumo. Un’opinione che si è concretizzata sulla base delle esperienze e dell’evoluzione dei prezzi alla produzione e al consumo. Infatti, i prezzi alla produzione dal 1990, “si sono abbassati del 25% quando i prezzi al consumo sono saliti del 15%. Lo scarto fra produzione e consumo è sempre più alto”. Una liberalizzazione, secondo il rappresentane del mondo allevatoriale elvetico, non invertirebbe questa tendenza.

B.Crema_MI_cibus Burro_Mi_CEE_cibus GP_medie mensili_MN_14-16M_cibus PRRE_12M_medie_mensili_cibus PRRE_24M_PR_cibus

 

Torna su