Cereali.Test rapido per la ricerca di micotossine

 

Cereali_spiga_aristata_cibus

“Smart Strip” è stato sviluppato da Tecna grazie a un finanziamento della Regione FVG  

 28 maggio 2014     Mettendo a frutto il contributo della Legge 47 del Friuli Venezia Giulia, dopo tre anni di ricerche e di test, Tecna, società dell’AREA Science Park specializzata nella diagnostica alimentare, ha realizzato un kit di analisi rapido in grado di rivoluzionare il modo con cui verificare la presenza di micotossine nei cereali. Per i produttori, in Italia e nel resto del mondo, arginare il problema è di grande importanza per salvaguardare la salute dei consumatori e prevenire o ridurre danni economici. 

 

“Smart Strip DON”, il kit che Tecna sta per lanciare sul mercato, è in grado di effettuare in modo rapido e accurato l’analisi quantitativa del deossinivalenolo nel frumento, nel mais e nel grano duro. Il test è  basato su tecnologia lateral flow. Questa tecnologia è in uso da molti anni in diagnostica clinica, si pensi al comunissimo test di gravidanza, ed ora è stata sviluppata al punto da essere affidabile anche nel campo alimentare. Chiunque è in grado di farne uso, senza passare dal laboratorio: con Smart Strip DON è sufficiente far gocciolare l’estratto di cereale sulla strip e attendere che il liquido muova verso lo spazio di reazione. Dopo pochi minuti una prima linea colorata conferma la  validità del test mentre una seconda evidenzia la concentrazione di micotossina nel campione.  Grazie a un apposito lettore portatile si va infine a misurare l’intensità del colore sviluppato, ottenendo in modo preciso e attendibile il dato in concentrazione.

 smartstripdon-kit-e-smartphone_content landscape

“La Regione Friuli Venezia Giulia è stata nostro sponsor nel lavoro che ci ha condotto a questo risultato – sottolinea Maurizio Paleologo, presidente di Tecna -. Accade spesso che finanziamenti pubblici vengano spesi per ricerche senza ricadute, ma questa volta abbiamo dimostrato come le cose possano andare diversamente. Sono dell’idea che, start-up escluse, la Regione nell’assegnazione dei punteggi debba tener conto dei risultati già ottenuti dalle imprese che si candidano ai finanziamenti. La grande maggioranza delle domande per la Legge 47 arrivano da aziende che usufruiscono dei fondi da molti anni, ma non mi risulta ci siano controlli a posteriori  sulle reali ricadute produttive ed economiche. Se si introducessero stabilmente meccanismi di valutazione anche su cosa accade a progetti conclusi l’efficienza del sistema aumenterebbe in modo esponenziale”.

I risultati si ottengono in soli 10 minuti  ma per un’analisi ancora più rapida è possibile pre-acquisire con lo smartphone un risultato qualitativo a soli 3 minuti dall’inizio del test e sapere quindi subito se il cereale contiene più o meno di 0,5 ppm di deossinivalenolo. Una marcia in più per accelerare l’accettazione di una merce da parte di centri di stoccaggio ma anche uno strumento di controllo molto utile a molini, mangimifici, essiccatoi.

 

Torna su