Quote Latte. Niente “multe” 

 

Mungitura_700x400_cibus2

Per il quarto anno consecutivo l’Italia ha rispettato la quota di produzione assegnata dalla Unione Europea. Nessuna “multa” (prelievo supplementare) quindi per gli allevatori italiani.

 
di virgilio – Parma – 29 maggio 2014

Quota latte rispettata anche nella campagna 2013/2014 .

Trent’anni di regime “quote latte” stanno finalmente per concludersi e nel 2015 tutto cambierà. Un periodo che ha visto l’Italia del latte in conflitto quasi perenne dove tutti erano contro tutti. Ed ora c’è da augurarsi che, almeno l’ultimo lustro” si completi con l’indennità totale da multe e che quest’ultimo anno di applicazione serva a progettare un futuro equo e prosperoso per questo importante comparto economico nazionale.

Finalmente è giunta l’ufficialità da parte di AGEA. Per il quarto anno consecutivo l’Italia ha rispettato i volumi produttivi assegnati dall’UE. Secondo l’agenzia i dati relativi alla campagna lattiero casearia conclusasi lo scorso marzo confermano che la produzione di latte si è attestata a 10,759 milioni di tonnellate (rettificata in base al contenuto di grasso) a fronte delle 10,923 milioni di tonnellate di quota nazionale.

Rispetto alla precedente campagna si è registrata, inoltre, una flessione dello 0,7%, imputabile a tre delle principali regioni produttive, ovvero Veneto, Lazio e Puglia.  Pressoché stazionaria, invece, la produzione di latte in Lombardia che – come noto – concentra oltre il 40% delle consegne nazionali .

“Adesso che la comunicazione con i dati di fine campagna ha posto fine all’obbligo di versare il prelievo relativo al mese di marzo – ha dichiarato Cesare Baldrighi a Agrapress – chiediamo che l’amministrazione pubblica si attivi tempestivamente per restituire quanto versato nei mesi precedenti”. “inizieremo da subito a lavorare attivamente perche’ la prossima campagna, che sara’ l’ultima con il regime delle quote, non sia gravata da procedure burocratiche lunghe e dispendiose.”

 Latte_produzione_italia 2013-2014_cibus Latte_produzioni_mensili_regioni_cibus

 

Torna su