Dagli USA, attacco diretto al “Parmigiano”.

 

PRRE Batt e spalliere-cibus

Per la potente FDA il “Parmigiano” non risponderebbe a canoni di salubrità minimi.

 

di virgilio Parma 17 giugno 2014. 

Come al solito le barriere “amministrative” sono il miglior sistema protezionistico e di questo gli Statunitensi sono dei maestri. Il “parmesan fake” spadroneggia coast to coast e oggi, in piena discussione sui atti di libero scambio, ecco che si ripresenta l’ennesima questione igienico sanitaria su alcuni tra i principali prodotti alimentari italiani. Il Parmigiano Reggiano e altri Grana accusati di essiccare su legno poroso. 

 La FDA americana, una delle autorità alimentari più potenti del Mondo, ha fatto proprie le rimostranze sull’insalubrità di alcune produzioni alimentari che non rispetterebbero i canoni di salubrità minimi. Su questo parere, si registra la protesta della federazione iConsumatori, aggregazione tra alcune delle maggiori sigle della difesa dei cittadini italiane, che chiedono al Governo di contestare immediatamente, tanto in sede di WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, quanto con passi diplomatici ad hoc, questa ipotesi che potrebbe preludere al blocco delle importazioni dall’Italia di alcuni pregiati formaggi come il Parmigiano Reggiano e i Grana, accusati di essiccare su assi di legno poroso. 

 

 

Torna su