Latte su e formaggi giù.

 

LATTE_VERSATO_CALDAIA_CIBUS

 

La 24 esima settimana conferma l’andamento della precedente con le due principali DOP in costante flessione, il latte spot in risalita e il burro stazionario.

 

Parma – 18 giugno 2014

Una radicale inversione di tendenza sembra essere stata intrapresa dal latte spot. Alla borsa di Verona i listini hanno guadagnato un ulteriore 2,67% al quale si sono aggiunti altri 3,10 € lo scorso lunedi  portando a quotare 100 litri di latte compresi nella forbice di prezzi tra 42,27 e 43,30€. Quest’inizio di giugno ha perciò consentito di realizzare mediamente un +7,38% rispetto a maggio per il latte nazionale e un +16,42% (40,21/100 litri) per il latte intero pastorizzato estero provenienza Germania e Austria. Tra le materie grasse alla stazionarietà dei listini di tutte le tipologie di burro si contrappone la tendenza al rialzo della crema di latte a uso alimentare  (40% mg) e della panna di centrifuga (40% mg) quotate rispettivamente a Milano e Verona a 1,78 e 1,80€/kg. 

Listini in discesa invece per le due principali DOP. Nello specifico il  Parmigiano Reggiano continua a registrare una costante diminuzione dei prezzi. Altri 5 centesimi sono stati perduti dal 12 mesi di stagionatura sulla piazza di riferimento comprensoriale di Parma (7,95 – 8,30€/kg) mentre il 24 mesi è rimasto fermo alla quotazione precedente (9,35 – 9,70€/kg). Questa stessa ultima tipologia è risultata in calo alla borsa di Milano che ha fissato il 24 mesi a tra 9,80 e 10,55€/kg.  Seppure più lievemente anche il Grana Padano mantiene una tendenza ribassistica dei listini; 5 centesimi sono stati perduti sia a Mantova e sia a Milano. In quest’ultima piazza il prezzo fissato per il 9 mesi di stagionatura è stato di 6,85 – 6,95€/kg  e di  7,45 – 8,10€/kg  per il 15 mesi di stagionatura.

 

 

Torna su