Multe per le rampe di accesso agli argini 

 

Argine Po_in piena_PR_CIBUS

Agricoltura. Multe ai proprietari di fondi con rampe di accesso ad argini.  

Bologna,  18 giugno 2014 – 

“Una situazione grottesca”. È il giudizio di Gianguido Bazzoni (Fi-Pdl) a proposito delle sanzioni amministrative che il Servizio tecnico di bacino di Romagna, sede di Ravenna, sta facendo pervenire, a seguito di accertamenti ai sensi della L.r.7/2004), ai proprietari di fondi agricoli che hanno rampe di accesso su strade che corrono sulla sommità degli argini dei fiumi e che, tra l’altro, – precisa – “spesso servono più fondi, e non solo quello che si affaccia sulla strada”.

Sulla questione, Bazzoni ha presentato un’interrogazione alla Giunta, ricordando che “le rampe esistono da più di cent’anni e non era mai stato richiesto un contratto di concessione”, a differenza di quanto “normalmente fanno i Comuni o i Consorzi di bonifica per situazioni analoghe”. E tuttavia – sottolinea il consigliere – la Regione “invece di informare per tempo gli utenti che bisognava iniziare a pagare, è passata subito alla sanzione senza che nessun bollettino sia mai arrivato a domicilio con l’importo da pagare”. Inoltre, “a differenza dei Consorzi di bonifica, non ha predisposto l’invio di bollettini a casa dei proprietari, creando notevoli disagi e incertezze”.
Il capogruppo Fi-Pdl chiede pertanto alla Giunta regionale se non ritenga che si possa configurare un abuso nel fatto di sanzionare improvvisamente i proprietari senza che prima vi sia stata la richiesta di un contratto di concessione e la definizione dell’importo da pagare. Bazzoni sollecita infine la Regione ad intervenire immediatamente per “sanare il pregresso annullando le sanzioni” e per “definire modalità precise per le concessioni”, rendendo pubblici gli importi da pagare e soprattutto predisponendo l’invio dei bollettini agli interessati. (is)

(Regione Emilia Romagna)

 

Torna su