Diabrotica del mais. La difesa in Emilia Romagna

 

mais4_con_casolare_CIBUS

Una presenza contenuta grazie all’obbligo di rotazione imposto  dalla Regione Emilia Romagna sin dal 2003

Parma, 26 giugno 2014. 

La Diabrotica del Mais o Verme delle radici del mais è un coleottero crisomelide  grave parassita del mais. I danni che le larve di questa specie causano alle radici del mais ne fanno uno dei fitofagi più importanti per questa coltura. La sua comparsa sul territorio italiano, risale al 1998 seppure la sua presenza in europa fosse già stata accertata dal 1992. 

In Emilia-Romagna la presenza della diabrotica, “viene contenuta senza l’uso di insetticidi, molto al di sotto della soglia economica di intervento”, questo perché “la più efficace forma di lotta alla diabrotica è la rotazione delle colture, dato che il fitofago vive esclusivamente su mais”. Inoltre, “dal 2003 la Regione ha disposto il divieto di successione del mais a se stesso” e il rispetto di questa prescrizione “è obbligatorio per accedere ai contributi del Programma di sviluppo rurale”.

A precisarlo è Tiberio Rabboni, assessore alle Politiche agricole, rispondendo in Aula ad una interrogazione di Andrea Pollastri (Fi-Pdl) che chiedeva “quale sia la situazione relativamente alla presenza e alla diffusione della diabrotica e quali siano le politiche di prevenzione e contrasto adottate dalla Regione”. 

 

Torna su