Risparmio idrico, accademici indiani a “scuola” dal CER

 

CER_indiani_cibus

Water4crops: Accademici indiani a lezione dal Cer per apprendere tecniche di risparmio idrico.

Bologna, 30 luglio 2014 —

Lunedì 28 luglio- Per due giorni il Cer è stato protagonista del progetto internazionale Water4Crops per l’innovazione tecnologica sul risparmio idrico. Progetto di cui il  Consorzio per il canale emiliano romagnolo è parte attiva e che vede la collaborazione tra i paesi dell’ Unione Europea e l’India per un uso oculato dell’acqua, risorsa preziosa ma sempre più scarsamente disponibile.

Con questo obiettivo due professori universitari indiani sono giunti in Italia per apprendere dal Cer  gli studi, i risultati e le tecniche, che il Consorzio ha prodotto in questi anni, di grande interesse dal punto di vista dell’innovazione.

Il progetto, iniziato nel 2012 e con scadenza nel 2016, mira allo sviluppo di nuove tecnologie irrigue. In particolare si focalizza sul possibile riutilizzo delle acque reflue in agricoltura pur mantenendo alti i livelli qualitativi dei prodotti.

Lo studio e la ricerca vengono effettuati in due contesti così diversi, Europa e India, proprio per rintracciare modalità d’irrigazione, nuove tipologie di bio-trattamenti e innovazioni agricole che limitino l’impatto sull’acqua, attraverso un processo di coordinamento e cooperazione.

Il CER da sempre impegnato negli studi sul riutilizzo delle acque reflue e già protagonista dell’importante progetto SAFIR, è stato oggetto d’interesse internazionale grazie all’attività di ricerca che svolge ed ai risultati di rilievo che continua ad ottenere.

La giornata dei due professori universitari indiani è stata ricca di appuntamenti. Dapprima hanno potuto osservare, sul campo, l’impegno concreto del Cer all’interno di questo progetto. 

Mentre attraverso la visita del campo mostra dell’azienda Marsili (località Budrio), i due delegati hanno potuto apprendere l’attività e i risultati ottenuti dal Consorzio in questi anni. Proprio a questo proposito sono stati illustrati gli esiti dei progetti sulla coltivazione del pomodoro, sulla fitodepurazione e sull’irrigazione ad energia solare in un’ottica di risparmio, uso efficiente della risorsa idrica e di salvaguardia ambientale.

Gli ospiti si sono detti soddisfatti e hanno dichiarato, interessanti ed importanti gli studi e i risultati ottenuti dal Cer in questi anni. “Il Cer lavora su un vasto numero di colture la maggior parte delle quali è coltivata anche in India per cui il lavoro svolto qui è, per noi, di enorme importanza ed interesse”-questo quanto affermato dal Ordinario di agronomia al dipartimento di Scienze Agrarie dell’università di Dharwad, karnataka, il professor Angadi. 

Considerando, inoltre, la ricerca e l’impegno all’interno del progetto internazionale, di grande valenza e utilità ai fini del raggiungimento degli obiettivi per il quale è nato.

(Fonte Ufficio stampa CER)

 

Torna su