SANA: I segreti per stare bene a tavola

 

salute-e-benessere_cibus

 

Salute e Nutraceutica. I segreti per stare bene a tavola negli incontri scientifici al prossimo SANA.

Super Pasta, Super Vino, e Super Caffè conditi con una camminata.

Bologna 21 agosto 2014 – 

Parola d’ordine: promuovere sani stili di vita, cominciando con una bella camminata fino ad arrivare a tavola con la “super pasta”, un bicchiere di “super vino” e per chiudere un caffè, super anche questo. Disseminare nella società questa cultura è quanto si prefigge la terza edizione del programma di incontri di alto profilo scientifico dedicati alla salute e agli apporti della nutraceutica, coordinato anche quest’anno dal professor Enrico Roda, noto gastroenterologo di fama internazionale e presidente della Fondazione Istituto di Scienze della Salute (www.fondazionescienzedellasalute.org).

Gli incontri, come ormai è tradizione, si terranno tutti nelle sale convegno di BolognaFiere durante il SANA, il 26° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale organizzato da BolognaFiere in programma da sabato 6 a martedì 9 settembre (www.sana.it). Quest’anno però il programma di incontri prevede una novità: sarà inaugurato infatti da una “Camminata per la salute” che si snoderà da Piazza Santo Stefano, nel cuore del centro storico di Bologna, fino al Santuario della Madonna di San Luca, la basilica che si trova sul Colle della Guardia che domina la città. “Siamo impegnati in collaborazione con il SANA in un’opera di disseminazione  divulgativa della cultura della salute – spiega il professor Roda – e abbiamo pensato di cominciare con una camminata per promuovere l’attività fisica, in particolare il camminare, come ingrediente fondamentale per mantenersi in buona salute. L’iniziativa sarà solo la prima di una lunga serie: in futuro vorremmo infatti organizzare una camminata al mese, magari per raggiungere punti di interesse culturale e artistico con l’aiuto di tutor ed esperti”. Intanto alla prima Camminata per la salute hanno aderito, tra gli altri, i ministri Federica Guidi e Gian Luca Galletti, Romano Prodi, Piero Gnudi, il sindaco di Bologna Virginio Merola, il presidente di Genus Bononiae Fabio Roversi Monaco, il presidente della Virtus Pallacanestro Renato Villalta, il patron di Valsoia Lorenzo Sassoli de Bianchi, l’Ordine dei Medici di Bologna.

La camminata darà il via alla serie di convegni promossi dalla Fondazione Istituto di Scienze della Salute nell’ambito di SANA. I congressi medici, indirizzati anche alla comunità scientifica, andranno ad integrare  il mondo della salute con quello della produzione alimentare, con particolare attenzione alla produzione di alimenti che utilizzano l’impiego di elementi nutraceutici  e che rappresentano gli ingredienti-base della Dieta Mediterranea. Il programma è di grande interesse e coinvolgerà scienziati ed esperti di altissimo livello internazionale.

Una parte di approfondimenti, come ormai è tradizione, verranno dedicati alla celiachia e in particolare a quella che Roda chiama “l’emersione dell’iceberg”: si stima infatti che tre persone su dieci siano celiache senza sapere di esserlo, anche se, pur lentamente, questa consapevolezza si sta allargando. Non solo: durante i convegni sarà dimostrato attraverso dati clinici che la dieta senza glutine è utile anche nel caso di patologie come il colon irritabile o il morbo di Chron.

Protagonista di gran parte dei lavori sarà la Dieta Mediterranea, non solo come abitudine alimentare ma come intera filiera, dal campo alla tavola. Si parlerà di prodotti da forno, frutta e verdura ad alta densità nutraceutica, e delle loro ricadute sul mondo della produzione alimentare e sulla salute. Si alterneranno esperti di genetica, rappresentanti di centri di ricerca d’eccellenza e scienziati, tutti impegnati in una divulgazione pensata apposta per i non addetti ai lavori, “per riuscire ad arrivare alla gente comune e disseminare la cultura della salute”, insiste Roda.

La parte del leone la faranno ancora le proteine vegetali, che hanno un ruolo fondamentale nella salute perché sono “svestite” dai grassi. “Daremo un’enfasi particolare alla pasta e alle cosiddette super paste – spiega il gastroenterologo – cioè alle paste che da sole condensano i tradizionali primo e secondo piatto. Se infatti integriamo nella pasta le proteine vegetali e come condimento utilizziamo prodotti ricchi di nutraceutici oppure di verdure, abbiamo già l’apporto necessario per il nostro corpo”. In questo modo, secondo gli esperti, si può sconfiggere l’obesità e si possono ridurre i rischi di cancro e malattie cardiovascolari. Lo stesso discorso vale per il caffè e per il vino, che grazie agli studi scientifici possono essere integrati e diventare super caffè e super vino. “Ormai tutti gli studi hanno abbattuto il vecchio pregiudizio della medicina secondo il quale il caffè fa male: non è così. Anzi, la durata della vita – afferma Roda – dipende anche dal numero di caffè bevuti. Recenti studi hanno dimostrato, per esempio, che chi beve caffè riduce della metà la probabilità di ammalarsi di cancro al fegato”. 

Infine anche l’acqua sarà al centro di un incontro che si occuperà di questa preziosa e insostituibile risorsa a rischio, dell’importanza dell’idratazione nel bambino e nell’anziano e nella cura dell’obesità, nonché di acque minerali e termali, di bevande funzionali (energy e sport drink), di tè e caffè.

Per ulteriori informazioni: Progetto Meeting, telefono 051585792, email info@progettomeeting.it

 

Torna su