Export Russia. Arrivano gli aiuti UE per il Parmigiano Reggiano

 

PRRE_battitura_cfpr_cibus

A giorni misure per attivare l’ammasso privato del formaggio per contrastare i danni derivanti dall’embargo russo.

Reggio Emilia, 28 agosto 2014  –  Soddisfazione, da parte del Consorzio del Parmigiano Reggiano, per le decisioni annunciate oggi dalla Commissione Ue, che ha esteso ai formaggi a pasta dura e a lunga stagionatura, tra i quali anche il “re” dei formaggi, le misure già adottate per i prodotti freschi e volte a tamponare i danni per i produttori agricoli dovuti all’embargo della Federazione Russa verso le esportazioni di prodotti agroalimentari europei come ritorsione per le sanzioni adottate nella crisi con l’Ucraina.

In particolare, a giorni scatteranno  specifiche misure per attivare l’ammasso privato del Parmigiano Reggiano.

“Esprimiamo apprezzamento – afferma Giuseppe Alai, presidente del Consorzio – per il provvedimento adottato dalla Commissione, la cui adozione si lega alla particolare attenzione e all’impegno del ministro Martina in sede Europea”.

“Questa apertura – prosegue Alai – è la risposta che attendevamo rispetto alle sollecitazioni espresse dal Consorzio del Parmigiano Reggiano e dal sistema rappresentativo dei formaggi Dop italiani”. “Nel merito – aggiunge Alai –  queste misure consentiranno di sostenere i produttori in una fase critica di mercato, nell’ambito della quale l’embargo russo chiude uno dei canali commerciali che si sono rivelati tra i più interessanti in questi ultimi anni in termini di crescita”. “L’auspicio, ora – conclude Alai – è che vengano superate al più presto le situazioni che hanno portato alle sanzioni e all’embargo, ripristinando in tal modo il regolare scambio di prodotti come si conviene all’interno un sistema di mercati aperti”.

(Fonte Consorzio Formaggio Parmigiano Reggiano)

 

Torna su