Crisi Russa: da ripensare a livello europeo

 

Pesche_cibus

Crisi pesche e nettarine – Rabboni: “pronti ad attivare i ritiri straordinari decisi dalla Ue. Previsto anche un contratto tipo per velocizzare le operazioni. Ma la gestione delle crisi di mercato va ripensata a livello europeo” 

Bologna, 29 agosto  2014 —

Bologna – Il  regolamento europeo  per   la crisi di mercato di pesche e nettarine che stanzia  complessivamente  29 milioni di euro per i ritiri e 3 per la promozione, è stato al centro di due incontri a Bologna il 29 agosto scorso convocati dall’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni per fare il punto con le Organizzazioni di produttori e le rappresentanze regionali del mondo agricolo.
“L’Emilia-Romagna – ha detto Rabboni – è pronta a cogliere al meglio questa opportunità anche perché è una delle poche regioni europee che vanta nel settore esperienze, risultati e sistemi operativi funzionanti.  Nella riunione abbiamo  deciso di stilare un contratto tipo  regionale per garantire un’applicazione  veloce e facilitata del provvedimento europeo anche per le aziende agricole che non fanno parte di Organizzazioni di produttori. Resta il rammarico per una gestione delle crisi di mercato ancora una volta inadeguata rispetto a necessità, tempi e risorse. Superata questa emergenza  occorrerà ripensare tutta la materia. Chiederemo al Ministero di attivarsi in questo senso presso la Commissione europea. Come Emilia-Romagna siamo pronti a dare il nostro contributo.”
Il provvedimento europeo per la crisi di mercato di pesche e nettarine  prevede risorse  sia per i ritiri a scopo benefico (distribuzione agli indigenti) sia per altre destinazioni (energia rinnovabile e distillazione); si rivolge sia alle Organizzazioni dei produttori, che alle aziende agricole  non socie e stabilisce una retroattività dall’11 agosto. Per il prodotto  destinato agli enti benefici  è prevista la concessione di un aiuto del 100%  sia alle Op che alle aziende non socie; per gli altri tipi di destinazione l’importo sarà  pari al 75% per le imprese socie Op e al 50% per quelle non socie.
L’incontro è servito anche per affrontare il tema del provvedimento europeo che stanzia 125 milioni di euro  a fronte del blocco delle importazioni di  diversi prodotti agroalimentari deciso dal Governo Russo. “Il regolamento sarà operativo nei prossimi giorni – ha sottolineato Rabboni –  ed essenziale sarà la  tempestività con cui  i produttori si attiveranno.  Mentre   il provvedimento sulle pesche e nettarine riguarda poche regioni italiane e spagnole, quello sull’embargo della Russia interesse molti Paesi europei. A fronte di un interesse così vasto e di risorse comunque inadeguate essere organizzati e operativi farà la differenza. Per questo abbiamo già previsto una riunione ad hoc all’inizio della prossima settimana.”  Il Regolamento europeo sull’embargo russo stanzia 125 milioni di euro per 14 prodotti  ortofrutticoli, comprese le susine. Nel settore lattiero-caseario  anche i formaggi Dop a pasta dura come il Parmigiano Reggiano attraverso il finanziamento dello stoccaggio privato, per i quali al momento non sono però state rese note risorse ufficiali.  Il tutto con  retroattività dal 18 agosto.

(fonte Regione Emilia Romagna)

 

Torna su