Una rete di sicurezza UE per il latte

 

Mosca3_piazza_Rossa_NataliaBebek_cibus

Assolatte ritiene essenziale l’impiego della misure di mercato previste dalle “rete di sicurezza”, non solo per i formaggi DOP ma anche per le mozzarelle ed i formaggi freschi, prodotti che rappresentano circa il 25% del esportazioni italiane in Russia.

di LGC – Parma -2  settembre 2014 –  

L’escalation della crisi Russa e gli embarghi disposti da Vladimir Putin sui prodotti alimentari UE sta preoccupando i produttori di latte e formaggio. 

Infatti la Russia, secondo quanto riportato da Assolatte, è la decima destinazione per l’export caseario italiano: nel 2013 sono state esportate circa 7.300 tonnellate di formaggi, per un valore complessivo di 43,3 milioni di euro, con un tasso di crescita superiore a quello di tutte le altre principali destinazioni (+33%).

Un traguardo raggiunto anno dopo anno e che ha avuto registrato una crescita più che proporzionale nell’ultimo quinquennio come mostra il grafico dell’associazione imprenditoriale che, proprio per questa ragione invoca l’aiuto della U o meglio un intervento che non sia limitato ai prodotti DOP.  

L’embargo – riporta il sito di Assolatte   crea danni milionari al nostro settore soprattutto perché arriva in un momento di particolare crescita produttiva. I danni potrebbero riguardare non solo il presente ma anche il futuro: “Non va dimenticato – spiega Giuseppe Ambrosi, Presidente di Assolatte – che le imprese nazionali hanno fatto importanti investimenti per adeguare le proprie strutture agli obblighi delle autorità russe. L’embargo dunque interrompe relazioni istituzionali e commerciali costruite con lavoro e fatica. E se il blocco durasse davvero fino al prossimo agosto, i nostri prodotti saranno sostituiti da altri, e sarà difficile se non impossibile riprendere gli spazi conquistati con fatica.”

L’impossibilità di accedere al mercato russo associata alla maggior disponibilità di latte (nei primi sei mesi del 2014, nell’Unione europea le consegne di latte sono aumentate del 5,4%), avrà probabilmente effetti anche sulle quotazioni europee del latte alla stalla, e dei formaggi, già diminuite nel corso degli ultimi mesi, e sui prodotti trasformati. 

 Latte_serie_export_Russia_cibus

Torna su