“Un matrimonio che s’ha da fare” 

 

Castello di Torrechiara - Parma

Castello di Torrechiara – Parma

Prodotto, territorio, turismo. Una miscela esplosiva non ancora innescata.

Le motivazioni e le possibili soluzioni sono state evidenziate nell’incontro promosso dalla “Strada dei sapori del prosciutto e dei vini dei colli” con il contributo dei professori Filippo Arfini (Università di Parma) e Giovanni Viganò (MET – Bocconi).

  • di Lgc – Langhirano (PR), 14 settembre 2014  –

“Un dibattito franco e privo di interessi personali credo sia sempre produttivo” è il cappello introduttivo al convegno del presidente della strada dei sapori Mario Schianchi. “Troppe, prosegue il presidente, sono le realtà sul territorio impegnate sulla stessa materia, scoordinate e spesso mal gestite. E’ dimostrato che il turismo se ben progettato e gestito può diventare una vera risorsa per l’economia e contribuire al valore aggiunto del territorio.” In sintesi l’intervento di Mario Schianchi tende la mano a una più stretta collaborazione tra istituzioni e soggetti privati per definire un progetto organico di sviluppo territoriale che metta al centro dell’analisi gli obiettivi collettivi e non i soli interessi privati. 

Da sinistra: Viganò, Schianchi, Arfini, Lamoretti, Bricoli

Da sinistra: Viganò, Schianchi, Arfini, Lamoretti, Bricoli

Per  Filippo Arfini deve essere il territorio a valorizzare il prodotto. Il territorio, secondo l’accezione francese Terroir, ovvero quell’insieme di caratteristiche distintive di un’area geografica, superando il concetto di distretto produttivo e di qualità rinchiusa nella DOP. Con il moltiplicarsi delle DOP, sottolinea il professore dell’Università di Parma, il consumatore si trova di fronte a una ampia scelta di prodotti a caratteristiche simili e, almeno in teoria, con analoghe caratteristiche qualitative. La DOP quindi è un fattore limitante alla valorizzazione del prodotto. Nonostante il significativo incremento dell’export e dell’innovazione tecnologica, connessa soprattutto all’introduzione degli affettati, il mercato del Prosciutto di Parma sta evidenziando   comportamenti economici tipici delle commodities, ovvero quei prodotti indifferenziati (frumento, petrolio, metalli ndr) il cui prezzo non è legato all’aumento o diminuzione dell’offerta. Infatti, secondo quanto esposto dal professor Arfini, la disponibilità di prodotto “cosce” e conseguentemente di prosciutti è sensibilmente diminuito ma, al contrario, il prezzo invece di aumentare è anch’esso diminuito. La praticità di consumo la dolcezza, la DOP, non sono sufficienti a affermare delle caratteristiche di forte distintività del Prosciutto di Parma.

In conclusione, “il prosciutto di Parma, afferma Filippo Arfini, è un bene fiducia  la cui bontà è legata alle aspettative del consumatore.” Il territorio  potrebbe quindi fare la differenza e attraverso di esso promuovere il prodotto e non il contrario come si è fatto sino ad ora.

 “Il turista vuole fare un’esperienza di vita” chiosa Giovanni Viganò, docente del MET – Bocconi. L’esperienza, prosegue Viganò, è legata all’uomo e quindi agli artefici del prodotto. 

Nonostante sia diffusa la convinzione che il mercato del turismo cambi rapidamente si continua a utilizzare i medesimi modelli di un tempo. E’ questo uno dei tanti paradossi legati al turismo è il commento di Viganò. “Sappiamo – sottolinea l’accademico della Bocconi, che oggi la comunicazione è immediata, One to One, ma rimaniamo legati al cartaceo”. 

 “Perché un turista deve venire a Parma” è la domanda alla quale occorre dare una risposta organica superando la convinzione che un territorio vada bene per chiunque.  “Nel momento in cui troveremo la risposta – prosegue Viganò – riusciremo a segmentare il mercato turistico” Il primo prodotto che si pone sul mercato è quindi il territorio, la destinazione turistica che abbia una forte identità. “La crisi peggiore, conclude il professor Viganò, è quella dell’identità, quella che definisco la crisi del camaleonte”. La risposta a tutto questa sta nel comunicare il Brand Turistico e progettare l’esperienza turistica del consumatore. Anche l’intervento del professor Viganò converge sulla necessità di realizzare un progetto condiviso che abbia nella cooperazione, come scelta strategica, il plus territoriale da esportare e che trovi nella competitività interna la forza rigenerativa. In sintesi, parafrasando il pensiero del docente, uniti verso l’esterno e competitivi verso l’interno.

L’amministrazione comunale, rappresentata dal sindaco Giordano Bricoli e dall’assessore alle attività produttive Mauro Lamoretti, in forza degli interessanti spunti evidenziati, si è impegnata a dare seguito con approfondimenti. “E’ stato solo un antipasto, chiosa Lamoretti, ma non finisce qui, ci sarà un seguito”.

Bancarelle_Festival_langhirano_cibus

 

Torna su