Parma e Comacchio, un gemellaggio di sapori e tradizioni

 

comacchio_rid_cibus

Ieri suggellato il gemellaggio fra Parma e Comacchio.

La “Strada del Prosciutto e dei vini dei Colli di Parma” ospite alla “Sagra dell’ Anguilla” con la visita del sindaco Federico Pizzarotti e di Marco Fabbri, sindaco di Comacchio –

Parma, 29 settembre 2014 –

Si è conclusa domenica 28 settembre l’uscita della “Strada del Prosciutto e dei vini dei Colli di Parma” con la visita del sindaco Federico Pizzarotti e di Marco Fabbri, sindaco di Comacchio, che ha suggellato il gemellaggio iniziato lo scorso anno con la stagionatura di una coscia di prosciutto con il primo sale delle riscoperte saline della città di Treponti.

Singolare anche la tenzone di quest’ anno che ha visto all’interno del “Wine food festival” promosso dalla regione Emilia Romagna, proprio a Comacchio, chiudere l’edizione 2014 con “Fuoco di vino” con la cottura in piazza di una forma di Parmigiano-Reggiano, mentre sullo spiazzo antistante i tre ponti, pochi attimi prima Mario Schianchi, presidente della “strada” sfidava gli amici comacchiesi con Parsùt e persút.
Ovvero taglio a mano del prosciutto di Parma con relativa degustazione, accompagnato da un calice di Malvasia, in contrapposizione al brodetto dell’anguilla gialla e tozza comacchiese (persut) cucinata come brodetto e a sua volta accompagnata dalla Fortana delle sabbie.
I vini erano illustrati dal presidente dei sommelier ferraresi; inutile raccontare del responso che ha visto arrivare all’osso un prosciutto di Parma di ben 13kg. e 26 mesi, mentre le bottiglie di malvasia si vuotavano a decine cogliendo il favore non solo dei comacchiesi ma di moltissimi turisti provenienti dall”Italia e dall’estero non avvezzi ai sapori di Parma.

Visto il successo e il buon andamento della stagionatura di uno dei prosciutti salato in occasione dell’edizione 2013 dallo stesso sindaco di Comacchio, si stanno prendendo accordi per anticipare l’ospitalità a Parma per il prossimo Festival della Malvasia a Sala Baganza per assaporare quella particolare coscia che nell’edizione 2013 sposò il sale di quelle valli.

 

Torna su