Maremma, da godere in relax

 

Alberese_Cavalli_pascolo_ITE_cibus

Natura selvaggia e ospitalità calorosa. Difficile non rimanere affascinati dalla Maremma e dalle sue straordinarie ricchezze.

di Virgilio – Parma 9 ottobre 2014 —

L’estate sta finendo… cantavano i Righeira sul finire dei spensierati anni ’80 e, seppure questo 2014 quasi non abbia registrata un’estate degna per il bel Paese, salvo per le bombe d’acqua sparse qua e là su tutta la penisola,  con l’arrivo di settembre e i primi giorni di ottobre il meteo sta regalando straordinari colori associati a miti temperature che, sul litorale toscano tra Alberese e il Monte Argentario,  si esaltano mettendo in mostra la spettacolarità delle colline impervie e selvagge che fanno da cornice e protezione a spiagge bianche e acque cristalline.  

La Maremma, questo incredibile luogo che si estende dal sud della Toscana al Lazio,  esprime una natura incontaminata e selvaggia difficilmente confrontabile con altre parti d’Italia. 

L’incontro con la Maremma perciò è di quelli che difficilmente si dimenticano. 

Caratterizzata da grandi spazi poco abitati, la Maremma abbraccia, oltre alla costa tirrenica e le colline interne da Massa Marittima fino a Capalbio, anche la zona del Monte Argentario e le isole dell’Arcipelago grossetano, fino a Saturnia e alla Zona dei Tufi di Sovana, Sorano e Pitigliano.

Borghi di incantevole bellezza e originalità ognuno dei quali in grado di raccontare una storia plurimillenaria a testimonianza delle civiltà etrusca, romana, medievale e rinascimentale che si sono l’una sull’altra sovrapposte e sedimentate .

Capalbio_borgo_ITE_cibus Pitigliano2_ITE_cibus Saturnia_Vasche_naturali_terme_Molino_ITE_cibus

E pensare che sino a meno di un secolo fa l’area era nota più per ospitare la malaria piuttosto che un turista desideroso di fare un bagno nella natura incontaminata nell’imbarazzo della scelta tra mare, monti e, perché no,  nella mondanità  aristocratica e riservata dell’Argentario.

Non è infrequente, infatti, incontrare i tipici cognomi veneti, diretti discendenti di quelli che, all’epoca del fascismo, si trasferirono da quella regione del nord per bonificare le paludi maremmane restituendole alla società e all’economia locale. Un progetto di Bonifica già avviato all’epoca di Giovanni Giolitti al quale va attribuito il grande merito di avere dato vita e organizzato il secondo più importante, dopo quello olandese, programma di bonifica europeo. 

Di quel periodo rimane solo la bassa densità di popolazione sparsa come è in questo immenso territorio.

Il Parco della Maremma è un cofanetto di gioie naturalistiche, architettoniche e storiche di straordinaria ricchezza.

Impossibile non lasciarsi affascinare dalla spiaggia di Marina di Alberese che si spalanca dopo avere percorso circa 5 chilometri all’interno del bosco tra mandrie di cavalli e bovini maremmani al pascolo ove è normale incontrare le volpi che, come i centurioni del Colosseo, si lasciano fotografare a ricordo e testimonianza della perfetta armonia raggiunta, all’interno di quest’area protetta, tra l’uomo con le sue attività e la natura.

Volpe Parco della Maremma

Volpe Parco della Maremma

Distesi sulla spiaggia a contemplare quel tratto di mare con l’Argentario che svetta in mezzo al mare e di fronte l’isola del Giglio e più in là quella di Montecristo coccolati dal fruscio delle onde del mare cristallino e ricco di fauna, ci si riesce ad abbandonare ai pensieri più positivi ricoverando, almeno per qualche ora, le quotidiane preoccupazioni. Ma il fascino della spiaggia di marina di Alberese sta nella spiccata “antropizzazione  declinata dalle decine di capanne, di varia foggia e dimensione, assemblate  con i legni residuali delle mareggiate invernali, che  assolvono al compito di riparare dal sole gli indumenti o consentire il riposino pomeridiano del turista più ozioso.

E la sera, una vasta scelta di agriturismi, consente di apprezzare l’ospitalità maremmana e le specialità gastronomiche rigorosamente originali e prodotte nel territorio. A partire dall’aperitivo, consumato a bordo piscina insieme alla famiglia ospitante e a tutti gli altri ospiti con i quali immediatamente si instaura un rapporto semplice, gioviale, quasi familiare. Infine la cena, ancora tutti insieme,  e con i quali si consumerà anche il dopo cena a conclusione di una giornata trascorsa senza mai avere, per una sola volta, guardato l’orologio.

__________________________

(Per approfondire le ricerche dei più bei siti italiani connettiti a Italiantourismexpo 

Per info sugli itinerari e percorsi all’interno della “Parco della Maremma”

Se vuoi diventare un Blogger di Italian Tourism Expo guarda qui)

 

Argentario

Argentario

Argentario_Porto_Ercole_ITE_cibus

Talamone

Talamone

Sovana

Sovana

 

Torna su