La portinaia del condominio Europa

 

Merkel_Angela_Stemoc_by_Glyn_Lowe_cibus

Non se ne può più. Possibile che la Cancelliera tedesca abbia costantemente da mettere becco su ogni cosa? Ma nessuno riesce a tapparle la bocca?

di Lamberto Colla –

Parma, 12 ottobre  2014 

Insopportabile. Non vi è dubbio che faccia bene il suo mestiere di politico sempre attenta a ogni fiore del suo e altrui giardino. 

Una accanita osservatrice di ciò che accade a casa altrui sempre pronta a commentare e bacchettare chiunque senza averne il ben che minimo diritto.

Sarebbe ora che qualcuno cominciasse a cantargliene in faccia. Già perché questa sua  sfacciata e frequente esternazione sulle vicende interne dei diversi Paesi dell’Unione non solo è irritante ma distrae l’attenzione dell’opinione pubblica dai fatti tedeschi, dalle loro magagne anche finanziarie.

Una comunicazione attiva tutta orientata a inculcare nella testa di tutti che la Germania è solida, perfetta e irreprensibile. 

L’ultimo in termine di tempo a essere preso di mira è stato quel povero sciagurato di Hollande reo di avere chiesto il rinvio del pareggio di bilancio. Per fortuna e parcondicio la Cancelliera d’europa ha replicato negli stessi toni utilizzati tante e tante volte per l’Italia, ma questo non è consolante.

Abilissima a utilizzare la comunicazione come se fosse il fuoco di sbarramento di una batteria antiaerea e soprattutto capace di sfruttare il concetto di Europa Unita per farsi gli affaracci suoi. 

Abili, anzi abilissimi i tedeschi a far sì che  gli enormi costi della riunificazione delle due germanie fossero sostenuti da tutti i paesi membri dell’Unione e  al contempo a inondare il mercato continentale coi suoi prodotti e lentamente, ma inesorabilmente cercare di strangolare i rivali, come l’Italia, che quanto a qualità della industria pesante avrebbero potuto essere pericolosi concorrenti. 

Onnipresente nei bilaterali di pace ma con il braccino corto. Mai un euro è uscito dalle  casse teutoniche  per operazioni di di mantenimento della pace, quelle stesse che a noi sono costate sangue e euro.   

Determinata e ferrea a  imporre un’austerità soffocante alla Grecia, senza però dimenticare di continuare a venderle costosissimi armamenti, della cui utilità ci sarebbe da domandarsi, e di ottenere che i primi rimborsi fossero per le banche tedesche indebitate ovviamente.

Ma non è tutto, molto ci sarebbe da dire sulla solidità degli istituti di credito tedeschi e sul bilancio nazionale che, molto probabilmente, non è così solido come vorrebbero far credere. 

E in questa crisi che sta strangolando quasi tutta europa la Germania invece non sembra mostrare cedimenti, anzi, stando all’Istituto per l’economia mondiale dell’università di Kiel che ha analizzato i dati relativi ai titoli tedeschi ha calcolato che per il periodo 2009-2013, c’è stato un beneficio di circa 80 miliardi di euro. 

“Nel fondo erroneamente definito come “salvastati” o Mes, scrive Bastian Brinkmann su Süddeutsche Zeitung e riportato da l’Antidiplomatico.it, la Germania ha finora versato 21,7 miliardi di euro. In futuro dovrebbero diventare 190 miliardi: questo denaro viene conteggiato nel bilancio come uscita, ma non sono soldi persi – vengono solo erogati in prestito agli Stati in crisi.  Finora, alla Repubblica federale tedesca è stato restituito ogni centesimo di quanto è stato trasferito come prestito d’emergenza alla Grecia ed agli altri euro-partner”.

Cara Angela Dorothea Kasner – questo è il suo nome completo da nubile  – nel condominio europeo non c’è necessità di una portinaia. Sarebbe ora che qualcuno la informasse.

 

 

Torna su