Embargo Russo, di male in peggio. 

 

Bovini da Carne al Pascolo

Bovini da Carne al Pascolo

Mosca estende l’embargo anche a farine animali, grassi e altri prodotti bovini e suini e pollame dall’UE.

Ghilardelli (Lega Nord Emilia Romagna) chiede tutele per aziende esportatrici.

di LGC – Parma, 24 ottobre 2014 –

La situazione tra Russia e UE invece che distendersi sembra sempre più acuirsi. E’ di questi giorni la notizia di un ulteriore giro di vite da parte di Putin a sfavore delle produzioni agricole europee. 

Un costo notevole per l’Italia che vede ancor più contrarsi il bacino d’esportazione dei prodotti agroalimentari che vedrebbe penalizzato il comparto di ulteriori 3,2 miliardi di euro.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti nel commentare l’annuncio del Rosselkhoznadzor, l’ente federale che controlla la qualità dei prodotti agricoli in Russia. Il pretesto della nuova misura è il rilevamento in  17 casi della presenza di sostanze vietate in derivati bovini provenienti da Italia, Austria, Ungheria, Germania, Danimarca e Polonia.

E’ un conto pesante che viene pagato dalla nostra economia che ha già visto calare del 63% le esportazioni verso quel Paese da quando, il 7 agosto scorso, scattarono le prime misure d’embargo.

Misure restrittive anche verso il colosso statunitense della ristorazione McDonald’s, il quale in una nota riportata dall’ANSA, nei giorni scorsi, ha dichiarato che le autorità russe stanno svolgendo più di 200 ispezioni sui ristoranti della catena e aggiunge di essere in procinto di fare ricorso alla disposizione di chiusura disposte lo scorso agosto, per motivazioni sanitarie, di 9 dei 430 locali fast-food collocati sul territorio russo. 

Bovino da carne Blanc Blu al pascolo

Bovino da carne Blanc Blu al pascolo

Embargo Russia; Ghilardelli (Lega Nord): “Si tutelino le nostre aziende che esportano”

“La situazione tesa tra la Russia e l’Unione Europea non sembra migliorare e a farne le spese dal punto di vista commerciale potrebbero essere tutte le aziende italiane, con particolare riferimento a quelle dell’Emilia Romagna, che hanno in corso rapporti consolidati con il Paese extraeuropeo. Il rischio è che tutto ciò che è stato avviato, o che si trova al momento in corso di avviamento, si possa bloccare a causa delle restrittive leggi e delle pesanti sanzioni che gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno imposto a Mosca e il conseguente embargo verso i prodotti dell’Occidente imposto dal Governo russo”. Commenta Manuel Ghilardelli, candidato alle elezioni regionali per la Lega Nord, che prosegue: “Quello che più mi preoccupa è il comparto agroalimentare del territorio piacentino che sta iniziando a stringere accordi e rapporti con la Russia e che potrebbe perdere tutto il lavoro svolto a causa di questo embargo. Secondo una prima stima di Coldiretti le esportazioni italiane di prodotti agricoli verso Mosca sono crollate del 63%, mentre il Made in Italy ha avuto un calo del 16,4%. Sono stati colpiti anche prodotti tipici, dal Parmigiano Reggiano al Grana Padano (per 15 milioni di euro) ma anche prosciutti a denominazione di origine”.

Il candidato del Carroccio si unisce alle dichiarazioni rilasciate da Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, nel corso della sua ultima visita in Crimea che chiede apertamente “la rimozione dell’embargo agroalimentare russo a quelle Regioni che si sono schierate anche con atti ufficiali contro le sanzioni occidentali a Mosca imposte dagli Stati Uniti e dalla Ue per la crisi ucraina.”

“Il Governo – conclude Ghilardelli – deve intervenire per difendere il lavoro delle nostre imprese, ma deve farlo con azioni concrete, aprendo un canale di dialogo con la Russia e con Putin, perché la salvezza dell’economia del nostro Paese passa anche da qui. Anche la Regione Emilia-Romagna deve prendere posizione, facendo pressioni sul Governo centrale perché lavori al fine di tutelare le nostre imprese”.

 

Torna su