In crescita i prezzi di frumento duro e della semola

 

Frumento

Frumento

 

Ismea pubblica “Tendenze” frumento e mangimistica. Lieve progressione del frumento tenero e una netta contrazione dell’offerta del frumento duro. Particolarmente elevate le quotazioni del “duro”.

Roma, 29 ottobre 2014 – 

Le più recenti indicazioni sull’evoluzione dell’offerta mondiale di frumento nel 2014 evidenziano una lieve progressione della produzione di frumento tenero a fronte di un netto calo di quella del frumento duro. In Italia, si evince dal report Ismea Tendenze relativo al terzo trimestre dell’anno, le stime dell’Istituto indicano invece per entrambe le tipologie raccolti in aumento. Di riflesso alla contrazione dell’offerta mondiale, il trimestre si è chiuso con le prime tensioni al rialzo per i prezzi del frumento duro nel mercato italiano (+5% su base congiunturale). Solo nelle ultime settimane del corrente mese, tuttavia, il frumento duro ha raggiunto delle quotazione particolarmente alte (328,14 €/t la quotazione media nella settimana dal 20 al 26 ottobre) portandosi di circa il 40% sopra i livelli dello scorso anno.  

Per quanto riguarda i consumi delle famiglie italiane, nei primi nove mesi dell’anno si è osservata una ripresa tendenziale degli acquisti domestici di pasta di semola (+1,8%) Sul lato degli scambi con l’estero, gli ultimi dati disponibili aggiornati a luglio evidenziano un peggioramento del deficit strutturale della bilancia commerciale della granella di frumento rispetto ai primi sette mesi del 2013, da imputare al consistente incremento dei volumi importati, seppure a valori medi unitari più bassi.  Nello stesso periodo, l’attivo di bilancio del settore pastario ha evidenziato solo una lieve erosione in ragione della contrazione dei prezzi all’export.  Migliora infine in maniera significativa, nel trimestre di osservazione, il clima di fiducia sia dell’industria molitoria che  nell’industria pastaria.

Per il mais e la soia Ismea stima un incremento produttivo rispettivamente di circa il 14% circa e 33%. Le rilevazioni dell’istituto, indicano per entrambi i prodotti, quotazioni all’origine in calo su base trimestrale e annua, sulla scia delle dinamiche internazionali. Migliora sia per il mais che per la soia il deficit strutturale della bilancia commerciale grazie a minori esborsi per l’import. 

(fonte Ismea 29 ottobre 2014)

 

Torna su