Bye bye dieta vegetariana. A rischio salute e buon umore.

 

Verdure_bye_bye_cibus

Una buona notizia per i “carnivori”, verrano meno le pressioni per cambiare abitudini alimentari. Le proteine della carne migliori di quanto la cultura popolare moderna supponesse o intendesse fare credere.

 di Virgilio – Parma, 03 novembre 2014 —

Premesso che la miglior dieta è quella mediterranea, perfetto mix tra carboidrati,  proteine animali e grassi sia di origine vegetale sia animale (olio e burro per intendersi), sta finalmente  smontando la convinzione che vegetariano è “felicità e benessere”. Un contro ordine che viene da uno studio condotto nell’Università Medica di Graz, in Austria, pubblicato dalla rivista PLos One.

I risultati ai quali i ricercatori sono giunti stravolgono, e perciò è facile prevedere ben presto delle contro ricerche, le convinzioni più popolari e comunque suffragate anch’esse da ricerche. Secondo i ricercatori, infatti, coloro che eliminano la carne dal proprio regime alimentare hanno il 50% di possibilità in più di ammalarsi di cancro o di subire un infarto, e non solo. I vegetariani hanno il doppio delle probabilità di soffrire di allergie e risulterebbero anche più esposti alla depressione e all’ansia.

Pur riconoscendo che i vegetariani hanno un body mass index inferiore e abitudini migliori (ad esempio, in genere fanno più attività fisica, bevono meno alcool e non fumano) la ricerca, intitolata Austrian Health Interview Survey, si contrappone nettamente a quanto finora conosciuto ovvero che  le diete ricche di vegetali e frutta riducono il rischio del cancro e di altre malattie croniche in tutti i gruppi demografici.

A onor del vero, la ricerca in esame, stabilisce che il problema non starebbe nel fatto che frutta e vegetali sono dannosi, ma nella dieta sbilanciata. Infatti anche i grassi animali, assunti in dosi ragionevoli, hanno una missione positiva da portare avanti nel metabolismo corporeo. 

 

Torna su