Patrizio Roversi verrà premiato a Parma. 

 

Pere-rid_cibus2

Premio San Martino per la biodiversità 2014 a Patrizio Roversi, conduttore Linea Verde – RAI 1

Parma, 19 novembre 2014 – Sabato 29 novembre, alle ore 9,30, alla Camera di Commercio di Parma (Sala Aurea -Via Verdi, 2), si terrà la  cerimonia del Premio San Martino per la biodiversità 2014. Quest’anno il premio, giunto alla settima edizione, sarà conferito a Patrizio Roversi, conduttore della trasmissione tv di RAI 1 Linea Verde, dedicata al mondo dell’agricoltura, che da anni approfondisce e valorizza un piccolo, ma significativo, angolo del nostro immenso patrimonio fatto di sapere agricolo, tradizioni, biodiversità locale, prodotti tipici, storia e cibo.

Programma

Ore  9.30 Omaggio musicale

                Claudio Ferrarini

                Direttore artistico del Slowflute Festival

Ore 10.00 Saluti

                Andrea Zanlari

                Presidente Camera di Commercio di Parma

                Claudio Moretti

                Consigliere Delegato Agricoltura Provincia di Parma

 

Ore 10.30 Cerimonia di consegna del Premio San Martino 

                a Patrizio Roversi               

                Filippo Fritelli

                Presidente della Provincia di Parma

Ore 11.00 Conversazione

                Patrizio Roversi

                Conduttore di Linea Verde

 

                Massimo Spigaroli

                Associazione Agricoltori e Allevatori Custodi di Parma

Il Premio San Martino, istituito nel 2008, è un riconoscimento che la Provincia di Parma assegna a figure di rilievo per l’impegno dedicato alla salvaguardia della biodiversità in agricoltura e alla sensibilizzazione in tale ambito. Le linee guida perseguite nella storia dell’assegnazione del Premio San Martino a personaggi illustri sono cinque: Educazione, Economia, Ecologia, Etica e Estetica.

 

Questo momento istituzionale ha contribuito a divulgare iniziative territoriali di recupero evalorizzazione delle risorse autoctone in agricoltura, consentendo  inoltre di dare risalto, nella nostra provincia, al lavoro di persone, enti e associazioni che da anni si occupano della biodiversità, tra cui gli agricoltori e allevatori custodi, e di creare una importante occasione di incontro tra mondo produttivo, scientifico e la cittadinanza.e

 

Torna su