Le nuove frontiere del Contoterzismo.

 

Mietitrebbia_NH_frumento_cibus2

 

Incontro con Angelo Corradi direttore dell’UNIMA di Parma, l’unica Associazione Provinciale delle Imprese che eseguono servizi meccanizzati industriali e agricoli per conto terzi –

di Sara Bondani, Parma 23 Novembre 2014 —

Si è conclusa da pochi giorni l’EIMA, la manifestazione fieristica dedicata alla meccanizzazione agricola. Stando all’affluenza di pubblico professionale registrato (oltre 235.000 presenze) e al numero di stand e novità proposte, il settore della meccanizzazione agricola e industriale sembra non risentire della crisi che sta opprimendo il Paese da ormai otto anni.

Al contrario del comune pensare, il settore agricolo è, da sempre, un comparto orientato all’innovazione e in questo l’Italia è sicuramente, per tradizione e per condizioni orografiche, all’avanguardia.

Recenti indagini indicano nel contoterzismo agricolo il driver di mercato con incrementi di ore lavorative esternalizzate quasi raddoppiate dal 2000 al 2010. 

L’utilizzo dei macchinari in generale comporta però un alto rischio di infortuni sul lavoro che, seppur in diminuzione, nel caso della meccanizzazione agricola sono conseguenza di incidenti spesso mortali. La causa è in prevalenza il ribaltamento del mezzo e fra i conducenti più esposti sono soprattutto quelli nella fascia con età superiore ai sessant’anni a pagarne le conseguenze. 

Il problema deriva da una meccanizzazione obsoleta e dall’utilizzo di macchine prive di basilari sistemi di sicurezza: roll-bar e cinture di sicurezza. Questa realtà però non trova riscontro nelle imprese che effettuano il contoterzismo proprio perché queste investono ingenti capitali nel rinnovo del parco macchine che pertanto lo stesso è aggiornato e tecnicamente sicuro e rispettante di tutte le norme di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Tecnologia, innovazione e rischi sono i fattori principali che stanno spingendo la categoria del “contoterzista” a una sempre più spinta specializzazione e a un costante aggiornamento tecnico e professionale.  

Angelo Corradi - Direttore Unima Parma

Angelo Corradi – Direttore Unima Parma

A fronte di questo, abbiamo incontrato il direttore dell’ U.N.I.M.A. di Parma, Angelo Corradi, che partendo dalle problematiche del settore del contoterzismo, ha delineato come una formazione e un aggiornamento costanti degli operatori – abbinata ad un utilizzo di macchine moderne, efficiente e sicure – sia fondamentale per ridurre il fenomeno degli infortuni sul lavoro. 

U.N.I.M.A. dal 1938 raggruppa centinaia di imprese che svolgono servizi industriali e agricoli, nonché la totalità delle imprese della nostra provincia che effettuano il servizio di spurgo fogne e spazzamento meccanizzato delle strade. 

L’Associazione offre in maniera tempestiva e professionale un servizio a 360° che spazia da quello fiscale e contabile, alla gestione del personale, al servizio UMA, alla predisposizione di gare di appalto, ai servizi di consulenza ambientale – solo per citarne alcuni – oltre a una qualificata offerta formativa inerente tutti i corsi in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro che prevede il recente Accordo Stato Regioni in vigore dal marzo 2013. 

Non solo agricoltura. Una pratica in uso nel settore agricolo da sempre quella del Contoterzismo. Come si è evoluto il comparto negli ultimi anni?  

Sicuramente la tecnologia fa si che la stessa macchina possa produrre di più a vantaggio della produttività e conseguentemente a vantaggio dei prezzi che possono diventare più concorrenziali dando un aiuto consistente al partner agricoltore. 

Il settore è stato marginalmente intaccato dalla crisi. Per fortuna non possiamo considerare la categoria in stato di crisi “profonda”. Più che altro si verificano casi di clienti, e tra questi anche agricoltori, che non pagano i servizi e che un po’ d’apprensione genera. 

I contoterzisti che hanno esteso il loro campo di interesse anche in altri ambiti oltre l’agricoltura, dando vita perciò ad aziende miste, sono potuti crescere molto e circa la metà dei nostri associati ha infatti diversificato le attività.  Chi invece non ha optato per la diversificazione facilmente risente delle difficoltà nel rinnovare il parco macchine con frequenza in quanto le stesse hanno avuto aumenti maggiori rispetto agli aumenti praticati sulle tariffe delle lavorazioni meccanico agricole; inoltre l’accesso al credito è sempre più difficile causa la reticenza degli Istituti di Credito a fare impieghi non iper-garantiti dai richiedenti. 

Quali sono le problematiche contingenti della categoria che dovrebbero essere rimosse o attenuate per facilitare l’operatività delle imprese associate? 

Data la necessità primaria di rinnovare il parco macchine con mezzi tecnologicamente avanzati, incide molto la difficoltà di accesso al credito. Oltre a questo sarebbe assolutamente necessaria e indispensabile una semplificazione burocratica soprattutto delle procedure amministrative e degli obblighi che incombono sulle imprese.

 Più credito e meno burocrazia.

 Dal punto di vista legislativo invece, sicuramente, sarebbe utile una modifica alla legge sul recupero coatto del credito . La legge non tutela sufficientemente chi opera con professionalità e onestà. 

Sarebbe opportuno andare all’approvazione di norme  in grado di agevolare il rinnovo del parco macchine del mondo agricolo e del contoterzistmo, preferibilmente con  contributi a fondo perduto, e che potesse ridursi drasticamente il carico fiscale. 

Già un accenno alla necessità di alleggerire il carico burocratico e nel caso specifico del nostro settore, sarebbe auspicabile anche la riduzione dei costi dei permessi di circolazione delle macchine eccezionali.

Da abolire totalmente sarebbe la tassa sull’usura delle strade che viene pagata, per un minimo di 4 mesi, per dei mezzi eccezionalmente pesanti ma che compiono solo brevissimi tragitti sull’asfalto. Infine, si dovrebbe modificare il codice della strada per il carico al traino – in Italia ha il limite di 200 quintali (n.d.r.) – che potrebbe essere alzato come in alcuni altri Paesi europei fino, ad esempio, a 250 quintali.

I recenti fatti alluvionali, come hanno visto coinvolta la Associazione e i suoi  aderenti? 

Si tratta di un problema di carattere sociale: gli spurghisti fogne della nostra Provincia e delle provincie limitrofe hanno lavorato giorno e notte per il comune, per condomini alluvionati e tutte le atre utenze interessate, mettendo un grande impegno al servizio delle persone alluvionate.

L’attività dell’associazione. Quali sono i compiti istituzionali e quali i servizi accessori ma qualificanti che, almeno a livello locale, state erogando? 

L’associazione offre un servizio completo da quello fiscale, alla gestione del personale, ai servizi per l’ambiente, agli adempimenti inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro, ai permessi di circolazione, al servizio Uma – utenti macchine agricole – buste paghe e contabilità. Proprio in questo risiede la nostra forza, ovvero nel poter offrire un servizio completo ai nostri associati, senza nessun tramite. Qualunque esigenza viene presa in carico e gestita dall’Associazione, offrendo così un servizio professionale e tempestivo come nessun altro è in grado di erogare. 

L’attività Formativa e Informativa. Norme in continua evoluzione e mercati fluidi. Come opera l’associazione per fare fronte a queste nuove esigenze?

Abbiamo avviato una ventina di corsi di formazione ed informazione – corso agli addetti che operano in presenza di traffico veicolare per apporre la segnaletica stradale, corso spazi confinati, corsi di aggiornamento per trattore agricolo, escavatore, PLE, gru e carrelli elevatori semoventi – per i lavoratori dipendenti delle imprese nostre Associate ai sensi del Decreto Legge 81/2008 sicurezza nei luoghi di lavoro, che vede una grande partecipazione e con i quali è rilasciato, a fine corso, l’attestato di partecipazione. 

Siamo gli unici a proporre corsi di formazione su macchine agricole. Particolare rilevanza hanno quelli sul traffico veicolare, obbligatori dal 20 aprile 2013, per qualunque attività svolta su strade in presenza di traffico.

Le nuove frontiere del Contoterzismo? 

L’ipotesi di accorpare le aziende potrebbe essere una possibilità per ottimizzare la resa delle macchine e ridurre i costi fissi.

Le imprese agromeccaniche sono quindi chiamate, data la crisi, a sopperire alle carenze economiche e strutturali delle imprese agricole e il contoterzismo risulta essere, in questo momento più che mai, un elemento chiave della competitività per l’agricoltura italiana.

 

Torna su