Male le mele bene l’olio confezionato

 

MELA_cibusProduzione aumentata e embargo russo condizionano la stagione di commercializzazione delle mele.

Al contrario l’Olio d’oliva cresce in consumi, valore e quota export.

di Virgilio – Parma, 25 novembre 2014  

Indietro tutta per i prezzi delle mele, titola Ismea, nel comunicato stampa relativamente alla analisi del mercato delle mele. A quasi tre mesi dall’avvio della campagna di commercializzazione – prosegue il documento dell’Istituto di ricerche – il mercato si è stabilizzato sui deludenti risultati di debutto. Tre gli elementi caratterizzanti la stagione 2014/2015: l’incremento della produzione a livello nazionale (+13%) e in sede europea (+9%), il blocco delle esportazioni verso la Russia, l’andamento stagionale penalizzante nell’avvio di campagna. I primi scambi sono avvenuti a ritmi lenti e sulla base di prezzi in decisa contrazione rispetto alla passata stagione. Drastici arretramenti di prezzo sono stati registrati sia nella fase di scambio all’origine che all’ingrosso con perdite tra il 30% e il 40%.

Le varietà maggiormente penalizzate sono state le Gala, seguite dalle Golden Delicious e della Fuji. Mentre la Gala ha risentito maggiormente nella fase d’origine e la Golden è stata penalizzata nella fase delll’ingrosso, la Fuji ha registrato un analogo arretramento in entrambe le fasi di commercializzazione.

Molto meglio, invece la situazione dell’Olio d’Oliva che invece sta vivendo una stagione positiva, in netta controtendenza rispetto al 2013 che aveva registrato un andamento fortemente negativo. 

Più  3% gli acquisti di oli di oliva confezionati.  I dati del Panel Ismea Gfk/Eurisko rivelano, nei primi nove mesi di quest’anno, un aumento di oltre il 3% su base annua sia in volume che in termini monetari. 

Se i consumi terranno lo si vedrà nei prossimi mesi, spiega l’Ismea. Molto dipenderà dagli sviluppi della nuova campagna, partita con prezzi decisamente elevati e produzioni in forte riduzione, sia in Italia che in Spagna

A metà novembre, secondo le rilevazioni dell’Istituto, le quotazioni, a causa dei rilevanti vuoti d’offerta, sono balzate in media oltre la soglia del 6 euro/kg franco produttore, raddoppiando rispetto ai livelli di un anno fa.  

L’export nel frattempo continua a registrare progressi. In otto mesi le spedizioni oltre frontiera di oli di oliva italiani sono aumentati del 12,5% in volume. Ancora più sostenuta la dinamica delle importazioni (+45% rispetto a gennaio-agosto 2013), con gli arrivi dall’estero (principalmente di prodotto spagnolo) che a fine anno potrebbero portarsi ai massimi da inizio millennio.

 

Torna su