Bene l’export di formaggi. Freschi soprattutto.

Bene l’export di formaggi. Freschi soprattutto.

 

Banco di formaggi freschi

Banco di formaggi freschi

Continua a marciare di buon passo l’export di formaggi e latticini italiani nei primi 8 mesi dell’anno. A trainare sono i formaggi Freschi.

Parma, 01 Dicembre 2014 

Secondo le elaborazioni dell’Ismea, gli invii all’estero sono aumentati del 6,4% in valore e del 4,2% in volume, nonostante la battuta d’arresto registrata nel mese di agosto, in concomitanza con l’inasprirsi della crisi in Ucraina e la chiusura delle frontiere verso alcune produzioni agroalimentari comunitarie tra cui anche i formaggi.

Le spedizioni verso la Russia sono infatti crollate, nel primo mese di embargo, dell’85% rispetto ad agosto di un anno fa, intaccando il trend di uno dei mercati di sbocco più promettenti per il made in Italy lattiero caseario (+33% l’incremento del fatturato realizzato a Mosca nel 2013).

Relativamente alle altre destinazioni la Francia si conferma il primo mercato di destinazione del Made in Italy caseario, con le spedizioni in aumento del 6,6% in valore e del 5,4% in volume. A seguire la Germania (+5,3% in valore e +5,8% in volume), il Regno Unito (+5,8% in valore e +1,7% in volume) e gli Stati Uniti (+2,0% in valore nonostante il -3,3% in volume).

A trainare l’export sono stati soprattutto i formaggi freschi (+9,2% in valore e +4,0% in volume), il Gorgonzola (+8,4% in valore e +2,7% in volume) e il Pecorino (+12,1% in valore nonostante il -0,9% in volume). Per il Grana Padano e il Parmigiano Reggiano i volumi esportati sono cresciuti del 9,2%, ma a fronte di prezzi medi in significativa flessione (-5,5%). In aumento anche le vendite all’estero di formaggi grattugiati, sia in valore (+9,8%) sia in volume (+10,1%).

(Fonte Ismea servizi 26 novembre 2014)