Cina, definite la procedure per l’export caseario.

Cina, definite la procedure per l’export caseario.

 

Formaggi_esposizione_vari_cibus

Milano, 16 dicembre – Assolatte: definite le procedure per le nuove imprese lattiero-casearie italiane che vogliono vendere in Cina.

Un risultato importante, raggiunto grazie alla collaborazione tra Assolatte, Ministero della Salute e autorità cinesi. Un segnale del dinamismo del settore lattiero-caseario italiano che reagisce all’embargo della Russia continuando a cercare nuovi mercati di sbocco. Ci sono voluti quattro mesi di trattative e di confronti con le autorità sanitarie cinesi per raggiungere l’obiettivo: definire la procedura per inserire nuovi stabilimenti nella lista dei siti produttivi “autorizzati” a esportare i loro prodotti lattiero-caseari sul mercato cinese. Infatti, dal maggio 2014 in Cina vengono ammessi solo i prodotti alimentari d’importazione provenienti dagli stabilimenti che hanno ottenuto la registrazione presso le autorità sanitarie locali, perché in possesso dei requisiti richiesti dall’Agenzia cinese per la Sicurezza Alimentare (Aqsiq).   Un lavoro lungo e complicato, condotto da Assolatte insieme al Ministero della Salute, che, dopo visite ispettive, missioni ufficiali e incontri tecnici di approfondimento, ha infine sortito il risultato tanto atteso dalle aziende: fornire alle imprese lattiero-casearie italiane gli strumenti per accreditarsi come fornitori del promettente mercato cinese e allungare, così, l’elenco dei 120 impianti finora autorizzati a vendere in Cina.

(Fonte Agenparl 16 dic 2014)