Parmigiano Reggiano, contenuto l’aumento nello scorso novembre

Parmigiano Reggiano, contenuto l’aumento nello scorso novembre

 

Formaggio in Fascere

Formaggio in Fascere

Aumenti produttivi contenuti per il Parmigiano Reggiano nello scorso mese di novembre. Complessivamente per l’intera categoria dei formaggi duri di latte bovino la flessione dei consumi domestici  nel medesimo periodo è stata del 5,7% 

Reggio Emilia 24 dicembre 2014 – 

LA PRODUZIONE: La produzione dello scorso mese di novembre ha segnato un aumento contenuto allo 0,8% su base mensile, in linea con l’andamento tendenziale rilevato nel corso dell’annata casearia 2014 che sta volgendo al termine (+0,7%). Sostanzialmente stabili le produzioni delle province di Reggio Emilia, Parma e Mantova. I caseifici di Modena e Bologna hanno segnato dall’inizio dell’anno un aumento pari rispettivamente al 2,8 e al 3,8%. 

I PREZZI ALLA PRODUZIONE: In dicembre non si è registrata alcuna variazione nei listini del Parmigiano Reggiano di 12 mesi ed oltre, fermi a quota 7,45 €/kg (CCIAA di Parma). Stabili a 8,83 €/kg anche le quotazioni del Parmigiano Reggiano di 24 mesi. Gli undici contratti pubblicati dalle sezioni provinciali relativi alle vendite del terzo lotto 2013 si sono chiusi ad un prezzo medio nominale di 7,27 €/kg. 

LE GIACENZE: L’indagine condotta alla fine di novembre presso il campione di magazzini generali mostra un aumento tendenziale delle giacenze totali del 4% (una variazione di uguale entità era stata rilevata al termine del precedente mese di ottobre). Se si considerano le sole scorte di Parmigiano Reggiano di oltre 18 mesi, il confronto con la situazione a novembre dell’anno passato indica una differenza pari a +9,6% (+10,8% lo scostamento rilevato alla fine di ottobre). 

I CONSUMI DOMESTICI: Dal 1° gennaio al 31 di ottobre di quest’anno gli acquisti di Parmigiano Reggiano nei punti vendita della distribuzione moderna e nei negozi del dettaglio tradizionale hanno registrato un calo tendenziale del 2,9% in volume. Negli iper e supermercati la diminuzione è risultata pari al 2% a fronte di una contrazione del 6,2% rilevata nei canali della distribuzione tradizionale. Complessivamente per l’intera categoria dei formaggi duri di latte bovino la flessione nel medesimo periodo è stata del 5,7%. 

(fonte SiPR – 24 dicembre 2014)