Chi, dopo Napolitano?

 

napolitano0356Tra 5 giorni inizierà la kermesse parlamentare che porterà a eleggere il nuovo Capo dello Stato. In un momento così critico della nostra storia la scelta  del nuovo inquilino del Quirinale dovrà

essere guidata da saggezza e responsabilità perché, come ha insegnato “Re Giorgio”, questa carica non è propriamente quasi formale ma sostanziale.

di Lamberto Colla – Parma, 25 gennaio 2015 – 

Difficile interpretare il mandato di Giorgio Napolitano ma quello che in questi 9 anni di guida del Paese ha insegnato è l’importanza istituzionale della Carica di Presidente della Repubblica. Dopo il carisma di Sandro Pertini, Giorgio Napolitano ha saputo invece interpretare il ruolo con  quell’autorevolezza, sconosciuta negli  ultimi 50 anni,  dimostrando coraggio e grandissime doti di statista. Esporsi con un giudizio è prematuro anche in forza della crisi in cui il Paese è sprofondato negli ultimi 8 anni. Una crisi economica talmente pesante da essere riuscita a minare e portare alla luce, in modo marcato, i fattori di criticità che da troppo tempo ribollivano sotto crosta. Una crisi di valori della nostra società che si è perfettamente rispecchiata nelle rappresentanze popolari, sia nello spessore degli uomini e delle donne parlamentari sia nelle competenze, che avrebbero dovuto accompagnare i profili della stragrande maggioranza dei rappresentanti di partito che si sono avvicendati  a Montecitorio e in tutti i parlamentini regionali.  A tutto ciò va sommato un ricambio generazionale ai vertici della grande industria che, alla pari della politica, non è stata all’altezza dei padri.

Crisi economica, crisi di valori hanno esposto l’Italia alla speculazione finanziaria internazionale trovando terreno fertile per crescere e prosperare con sempre maggiore  virulenza come un batterio riesce a fare nell’organismo non curato adeguatamente e con la necessaria tempestività. In questo stato moribondo il medico Napolitano ha dovuto operare in un quadro clinico gravissimo, dotato di strumenti antiquati, avendo in cura un paziente che non aveva per nulla voglia di guarire. Saprofiti e varie colonie di batteri, di per sé non mortali, si sono insediati liberamente   e nel loro proliferare esponenziale hanno indebolito, sin quasi allo sfinimento, il paziente ospite.

E’ in questo contesto che si è mosso il Presidente Napolitano dimostrando capacità, esperienza giuridica e istituzionale non comuni. Onore quindi all’uomo al quale va il merito di aver avuto il coraggio di prendere in mano il malato sfinito e contagioso.

Ora viene il turno degli altri ,uomini e donne di governo, di dimostrare il loro senso di responsabilità e di assumere il coraggio che Napolitano ha dimostrato, affinché non si vanifichi il suo impegno e i sacrifici di 60 milioni di cittadini.  Un uomo o una donna che sappia  raccogliere e sfruttare pienamente l’opportunità che Mario Draghi è riuscito, testardamente, a fare adottare dal’UE strumenti di finanza non convenzionali sconfiggendo il fronte tedesco  e facendo passare, all’unanimità, una politica finanziaria di investimenti allentando, finalmente, il cappio dell’austerità soffocante.

Già perché l’Italiano Mario Draghi non solo è riuscito nell’impresa di conquistare la poltrona più alta dell’Eurotower ma, alla pari di Napolitano, è riuscito a imprimere la sua personalità con coraggio e determinazione ottenendo quello che nessuno avrebbe sperato:  l’immissione di liquidità nel circuito europeo. 

La stampa di moneta fresca per acquistare titoli di debito dei paesi membri. 1.140 miliardo in scaglioni mensili di 60, che entreranno nel circuito portando ossigeno alle imprese e, auguriamocelo, al lavoro. Tanti seppure ancora pochi rispetto i 4.500 miliardi immessi negli ultimi anni dagli Stati Uniti. Un’operazione che ha raggiunto lo scopo e l’economia a stelle e strisce ha ripreso a correre e con essa  l’occupazione. I risultati conseguiti dall’economia americana e il progetto di valorizzare la classe media, esposti dal presidente USA nelle scorse ore,  sono stati salutati, dai rappresentanti del Congresso, con una standing ovation nonostante la maggioranza, dopo le elezioni di medio termine, sia passata in mano agli oppositori di Obama.

Un comportamento ben diverso da quelli che quotidianamente osserviamo in Italia dove l’opposizione, pura e dura, proviene più dall’interno del partito di maggioranza che dalle opposizioni. Dove mai si riesce a trovare la quadra nemmeno sulle grandi questioni. 

Il 30 di gennaio inizieranno le elezioni che porteranno al successore di Napolitano, chissà che la fortuna o l’insperabile buon senso dei grandi elettori, ci consegni nelle mani di un grande leader. Un Capo dello Stato carismatico che abbia le doti necessarie per far tornare il giudizio nei partiti e  che il Parlamento torni a essere un luogo di discussione politica e non il pollaio che è oggi. Vogliamo un leader, donna o uomo che sia, capace di riaccendere gli animi degli italiani e il loro orgoglio nazionale. 

Gli italiani vogliono risorgere e non insorgere!

Quirinale - Cortile d'Onore - 14 gennaio 2015 - Il Saluto di Giorgio Napolitano

Quirinale – Cortile d’Onore – 14 gennaio 2015 – Il Saluto di Giorgio Napolitano

 

Torna su