Cereali, rientrano le previsioni pessimistiche sulla produzione canadese

 

Frumento_sole_cibus_cibus2

Si allentano le tensione sul frumento duro.

Le informazioni dal Canada attenuano le pessimistiche previsioni di fine anno scorso pur rimanendo in netta flessione rispetto al 2013. 

di Lgc – Parma, 29 gennaio 2015 – 

Il mercato cerealico, nel suo complesso, continua a mostrare segnali di tensione e le reali intenzioni degli investitori rimangono ancora oscure, almeno stando all’osservazione dell’andamento dei grafici dei contratti a termine. 

Da un lato le tensioni geopolitiche (Russia e Ucraina ad esempio) dall’altro gli andamenti climatici non consentono di avere uno scenario ben definito del panorama mondiale de cereali. 

Ai sopracitati elementi di negatività però se ne stanno sovrapponendo altri, di natura più positiva, che potrebbero sensibilmente attenuare gli effetti negativi dei primi.

Primo fra tutti i dati che provengono dal Canada. Le previsioni funeste sulla produzione e sulla qualità, soprattutto connessa al più piccolo mercato del frumento duro smentiscono, in parte, le catastrofiche previsioni di dicembre scorso. Sarebbero ben 800.000 gli ettari in più che verrebbero destinati al frumento canadese raggiungendo quindi l’impensabile soglia dei 10 milioni di tonnellate di produzione cerealicola ben lontano dalla riduzione del 27% previsto. Tuttavia, la I.G.C. (International Grains Council) parla di una riduzione mondiale delle scorte soprattutto da parte dei grandi esportatori, come UE e Russia, ma con tutti gli altri paesi produttori, Stati Uniti compresi, pronti e disponibili a sopperire alla domanda di cereali.

Restando nell’ambito geopolitico con le prossime elezioni in Argentina potrebbero venir meno gli impedimenti all’export dei cereali nel caso si dovesse concretizzare un’uscita di scena dell’attuale presidente Cristina Fernández de Kirchner. Un’ipotesi che si tradurrebbe, secondo i dati diffusi dal Dipartimento dell’Agricoltura USA con sede a Buenos Aires, in un incremento di 500.000 tonnellate rispetto alle previsioni ufficiali per un totale di 6.5 milioni di tonnellate.

In conclusione, secondo i dati forniti dall’agenzia IGC, si  stima una produzione di grano mondiale nel 2015 intorno ai 701 Mil. di tonnellate in calo di 16 Mil. di t. dallo scorso anno ma ancora superiore alla media degli ultimi cinque anni di circa il 2%. L’incertezza riguarda solo le stime da parte di Russia e Ucraina dove è ormai preso in considerazione il peggioramento dei raccolti da parte degli operatori agricoli.

 

Torna su