Materie prime, in attesa degli effetti di Expo2015

Frumento

Frumento

Mercati ancora condizionati dal cambio valutario che attenua gli effetti delle produzioni sudamericane.

di Mario Boggini e Virgilio – Milano, 12 marzo 2015 –

Stentano a farsi sentire i vantaggi derivanti dall’ingresso sui mercati dei raccolti sudamericani, Brasile e Argentina in testa. L’atteso effetto calmierante che si sarebbe dovuto determinare con l’ingresso dei volumi dal sud america si è fortemente attenuato dal recupero dai cambi valutari, che vede il dollaro in recupero sull’euro, e dagli strascichi a seguito degli scioperi degli autotrasportatori brasiliani e degli agricoltori argentini.

Le previsioni degli analisti internazionali indicano un probabile calo di prezzi all’origine del 7% a partire dal mese di maggio, che a nostro giudizio non si tradurrà completamente in un vantaggio economico proprio in forza del cambio valutario.

Indicatori internazionali (11/3/2015)-

l’Indice dei noli è  salito ancora a 568 punti. Il petrolio oscilla intorno a 50$ dollari al barile e  il cambio  è sceso a 1,05781.

Mercato interno – Sul mercato interno continuano a registrarsi scambi ridotti anche sul fronte del mais nonostante la certezza che le semine saranno in calo. Il mercato dei proteici è sostenuto dal valore del dollaro mentre quello dei cruscami da un’industria che non lavora a pieno regime.

Gli operatori sono in attesa degli effetti di Expo2015 e che questi siano percepibili già dal mese di aprile. 20 milioni di persone attese dovrebbero incidere enormenete sulla ripresa dei consumi.

Intanto, i prezzi a medio e lungo termine tendono al rialzo,  essendo, come noto, l’Italia un Paese grande importatore di materie prime.   

Continua la “carica” dei premi, come non si osservava da qualche anno, sulla farina di soia proteica che sul luglio – dicembre si aggirano tra 63 e 65 dollari a tonnellata  e tra 68 e 70$/Ton sul 2016.

Sul fronte delle bioenergie comincia a intensificarsi la ripresa delle coperture utili a allungare l’autosufficienza in previsioni della prossima campagna maidicola  che si preannuncia in contrazione di volumi. Tra 132 e 140 €/ton (periodo giugno – luglio)  i valori di alcune partite di farina di mais contaminate da Don trattate in questi giorni.

MP_indic_11mar15_cibus

_____________________________________________________

(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

Mario Boggini – esperto di mercati cerealicoli nazionali e internazionali – (per contatti +39 338 6067872) – mail@europroitalia.com) – Valori indicativi senza impegno, soggetti a variazioni improvvise. Questa informativa non costituisce servizio di consulenza finanziaria ed espone soltanto indicazioni-informazioni per aiutare le scelte del lettore, pertanto qualsiasi conseguenza sull’operatività basata su queste informative ricadono sul lettore.(*) Noli – L’indicatore dei “noli” è un indice dell’andamento dei costi del trasporto marittimo e dei noli delle principali categorie di navi dry bulk cargo, cioè quelle che trasportano rinfuse secche. Il BDI può anche costituire un indicatore del livello di domanda e offerta delle rinfuse secche.

EUROPRO srl – intermediazione granaglie e cereali – Milano

________________________________________________

Andalini Pasta dal 1936

Andalini_logo_ritaglio

Torna su